15 abitudini che fanno bene al cervello

L'esercizio e una dieta sana, ad esempio, sono perfetti per migliorare le capacità di pensiero aiutando il cuore a lavorare meglio, aumentando così il flusso di sangue al cervello.

Pubblicato da Kati Irrente Giovedì 20 dicembre 2018

Foto Pixabay

Come fare a rallentare il declino degenerativo del cervello e rafforzare le proprie capacità cognitive? Come ogni muscolo del corpo, anche il cervello ha bisogno di seguire alcuni standard per funzionare al meglio. Diversi studi clinici e di ricerca a livello internazionale hanno evidenziato che anche semplici cambiamenti nello stile di vita possono fare un mondo di differenza in termini di qualità, per quanto riguarda la salute del cervello umano. Vediamo allora insieme, di seguito, quali sono le abitudini che fanno bene al cervello e che rallentano il suo invecchiamento.

Fare esercizio fisico

Foto Pixabay

I ricercatori del Duke University Medical Center hanno scoperto che esercitare il corpo almeno tre volte alla settimana porterebbe a invertire la tendenza al declino mentale dovuto all’invecchiamento, facendoci guadagnare, in sostanza, circa un decennio. Ossia un cervello di un novantenne che ‘si allena’ e fa esercizio fisico per circa 100 minuti a settimana appare come quello di un ottantenne.

Ciò accade perché l’esercizio fisico promuove il rilascio di sostanze chimiche, compresa la dopamina, che aiutano a rafforzare le capacità cognitive e la memoria.

Camminare all’aria aperta

Foto Pixabay

Combattere la sedentarietà è importante, se non si ha la possibilità di fare esercizio fisico in palestra, o andare in bicicletta o in piscina, va bene anche semplicemente camminare per migliorare la tonicità del cervello. Basta fare sessioni di almeno 35 minuti per almeno sei mesi.

Dedicarsi agli hobby anti stress

Foto Pixabay

Allontanare lo stress dalla nostra vita quotidiana dovrebbe essere un imperativo per chiunque. Il cervello si affatica e le abilità mentali possono subire un rallentamento se siamo sotto stress. Ecco perché è importante dedicare qualche ora al giorno alla nostra attività preferita, a un hobby che ci faccia piacere, come leggere, fare un puzzle, dedicarsi al modellismo, al decoupage, alla pittura, all’uncinetto, alle parole crociate, ecc.

Rilassarsi

Foto Pixabay

Vivere sempre al massimo può portare all’esaurimento fisico ed emotivo. E’ molto importante per la salute del cervello mantenersi quanto più possibile rilassati. Le tensioni continue sono dannose. Ritagliatevi del tempo per rilassarvi nel modo che vi piace di più. Ad esempio facendo una sauna, un massaggio, due chiacchiere con gli amici, ascoltando musica…

Riposare bene

Foto Pixabay

Il sonno gioca un ruolo fondamentale per la salute del cervello. Dormire poco mina l’organismo tutto, danneggia la memoria e la capacità di apprendimento. Le ore di riposo notturne servono al corpo e al cervello a ricaricarsi, a ‘rimettersi a posto’, come in una sorta di reset. Durante la notte le connessioni tra i neuroni di riorganizzano. Se dormiamo male anche il nostro cervello lavora male e si può ammalare.

Interagire con gli altri

Foto Pixabay

Rapportarsi agli altri aiuta a mantenere attive le abilità mentali. Interagire è importante per tenersi sempre in allenamento.

Spezzare la routine

Foto Pixabay

Essere troppo abitudinari può spegnere la curiosità e la voglia di imparare, ”addormentando” il cervello. Ecco perché è importante ‘spezzare’ la routine. Farlo è semplice, anche fare un percorso diverso dal solito per rientrare in casa o andare a lavoro può essere utile e bastare a tenere viva la nostra attenzione e tenere in allenamento il cervello.

Evitare il consumo di alcolici

alcol drink bevande alcoliche
Foto Pixabay

Se un bicchierino di vino al pasto può essere anche concesso, eccedere con l’assunzione di alcol non fa bene al cervello (come anche al fegato, ai reni e al cuore). Il consumo eccessivo di alcolici danneggia l’area dell’ippocampo sede della memoria e dell’equilibrio.

Esercitare la memoria

Cervello
Foto Pixabay

Cercate di tenere sempre in allenamento la memoria, invece di cercare sempre tutto sul web. Alcuni esempi? Non usate la calcolatrice per fare semplici compiti, ma fateli a mente. Non usate sempre il navigatore satellitare, ma provate a orientarvi con una mappa e chiedendo indicazioni ai passanti. Provate a memorizzare qualche numero di telefono importante.

Imparare una lingua straniera

Foto Pixabay

Non è mai troppo tardi per imparare cose nuove nella vita, anche imparare una lingua straniera, o la lingua italiana, se non la si conosce tanto. Anzi, è consigliabile in tarda età per ”allenare” il nostro cervello e stimolare la memoria.

Fare esercizi mentali

Foto Pixabay

Provate a fare qualche esercizio di brain training per stimolare le diverse capacità mentali.

Fare sesso

Foto Pixabay

Fare sesso agisce a livello neurologico attivando gli stessi circuiti cerebrali interessati dall’assunzione di cocaina, caffeina, nicotina e cioccolato. In pratica è una droga che fa bene! Ha effetti calmanti, antidepressivi, antidolorifici e pare faccia molto bene alla memoria.

Impegnarsi in attività stimolanti

Foto Pixabay

Uno dei miglior modi per mantenere attivo il cervello è condurre una vita ricca di attività stimolanti da un punto di vista sociale e intellettuale. Si può frequentare una scuola di ballo, per fare contemporaneamente esercizio fisico, si può passare delle ore con i nipotini, o imparare una nuova ricetta da portare in tavola e stupire tutti.

Mangiare in modo sano

Foto Pixabay

Lo diciamo da tempo, il cibo che introduciamo nel nostro corpo deve essere di qualità. Mangiare in modo sano è quindi una prerogativa necessaria per stare in salute. Anche il cervello va nutrito bene, per questo è importante, specialmente per le persone anziane, seguire una dieta ricca di cereali integrali, frutta e verdura.

Per approfondire leggi anche Tutti gli alimenti che fanno bene al cervello

Leggi anche 11 abitudini che danneggiano il tuo cervello