Roberta Ragusa in appello confermati 20 anni a Logli

Roberta Ragusa, Antonio Logli condannato a 20 anni in appello: le motivazioni della sentenza

Giudicato con rito abbreviato in primo grado è stato dichiarato colpevole di aver ucciso la moglie Roberta Ragusa: Antonio Logli è stato condannato a 20 anni anche in appello con l'accusa di omicidio e occultamento di cadavere

2 di 7

2 di 7

Motivazioni della sentenza a carico di Logli, condannato a 20 anni per l’omicidio della moglie

Roberta Ragusa: condannato Logli, le motivazioni della sentenza di appello

Antonio Logli è stato condannato anche in appello a vent’anni di carcere per l’omicidio e la distruzione del cadavere della moglie Roberta Ragusa ma sebbene si sia trattato di un processo di natura indiziaria, ”la globale tenuta logico-probatoria della ricostruzione adottata dalla sentenza di primo grado”, è stata confermata dai giudici anche nel procedimento d’appello.

Nelle motivazioni della sentenza depositate dai giudici della corte d’appello di Firenze si legge che: ”La coppia Logli-Ragusa versava da tempo in irreversibile stato di crisi matrimoniale a causa della protratta relazione del marito con Sara Calzolaio”, di cui Logli era amante da diverso tempo, e “gli interessi economici dei coniugi erano strettamente intrecciati e non facilmente districabili vista la partecipazione in forma societaria all’attività di famiglia alla cui conduzione la Ragusa era principalmente dedita”.

I giudici hanno sottolineano poi che diversi testimoni hanno affermato che Roberta Ragusa “aveva preso in considerazione l’ipotesi della separazione” che, concludono i giudici fiorentini, invece “era avversata dal Logli, che ne temeva i contraccolpi economici nonostante fosse pressato anche dall’amante”. I togati definiscono ”del tutto fantasioso e illogico pensare a un allontanamento volontario” di Roberta Ragusa ”che sarebbe improvvisato, non programmato o preparato in alcun modo neppure per garantirsi nell’immediato i mezzi e le risorse più strettamente necessari per la sopravvivenza e tanto meno per porre le basi di una, per quanto improbabile, parallela esistenza lontana dall’ambiente di provenienza”.

Oltre alla ”lunga serie di indizi convergenti e rilevanti in ordine all’omicidio della moglie” i giudici hanno riscontrato anche che la difesa dell’imputato non ha mostrato ”alcuna alternativa ricostruzione globale della vicenda che ne escluda la responsabilità”. Pertanto l’uomo è stato condannato alla pena di 20 anni.
 
 
Sfoglia nelle schede di seguito le altre tappe della vicenda processuale di questo caso controverso, oppure leggi qui i ritratti di tutti i protagonisti di questo caso di cronaca, da Antonio Logli a Roberta Ragusa, passando per l’amante di lui, Sara Calzolaio.

2 di 7

Pagina iniziale

2 di 7

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.