Riforma della giustizia 2015: testo e cosa prevede

Riforma della giustizia 2015: testo e cosa prevede

Già diversi mesi fa Giorgio Napolitano aveva detto che la riforma della giustizia non poteva più essere rinviata. Ecco tutti i punti del testo proposto dal Governo.

1 di 14

1 di 14

riforma della giustizia
Non si può più rinviare la riforma della giustizia. Lo aveva chiesto anche Giorgio Napolitano. Il primo passaggio sarà quello della giustizia civile, perché, oltre a “una forte determinazione politica”, c’è prima “la consapevolezza che molti di questi problemi bloccano l’economia e mettono in pericolo la tenuta del Paese”. L’assenza della giustizia civile, la lentezza che blocca il sistema produttivo, è, dice il ministro, “una tara non più sopportabile dal Paese, un sistema costoso e non produttivo di risultati diventato insostenibile. Che dà problemi di competitività e di affidabilità internazionale e di gestione delle controversie tra privati”. In mancanza di un assetto civile corretto, “si offre alla criminalità organizzata la possibilità di offrire una ‘giustizia’ sostitutiva, una sorta di ordine alternativo. Più ancora che di una scelta politica, parlerei di una necessità irrinunciabile. Per anni sono state seguite priorità distorte”, rincara Orlando. “Il civile è il luogo dove è avvenuto il collasso, nel sostanziale disinteresse della politica e dei media”.

1 di 14

Pagina iniziale

1 di 14

Parole di Lorena Cacace

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.