Rap italiano anni 90: classifica delle migliori canzoni

Rap italiano anni 90: classifica delle migliori canzoni

La classifica top-10 delle migliori canzoni del rap italiano anni 90: dai 99 Posse ai Sottotono, da Neffa ai Casino Royale, il meglio della cultura musicale hip hop di casa nostra sorta nell'ultimo decennio del XX secolo.

1 di 11

1 di 11

[npgallery id=”3391″]

Il rap italiano deriva direttamente da quello americano, legato a sua volta alla cultura hip hop. Da noi ha cominciato a muovere i primi passi nella seconda metà degli anni Ottanta, conquistando nel decennio successivo grande dignità musicale ed enorme popolarità fra le masse, e affrancandosi pian piano dalla scena underground fino a dominare le classifiche di vendita. I pionieri del rap italiano anni 90 sono stati i 99 Posse, Dj Gruff, i Sangue Misto e gli Articolo 31, a cui si sono successivamente aggiunti tanti altri rapper dall’indiscusso talento. Oggi cercheremo di stilare una classifica dei dieci brani rap più significativi degli anni 90, ovviamente senza aver alcuna pretesa di presentare una graduatoria ‘definitiva’.

Come dicevamo, fra i primi grandi gruppi rap italiani degli anni 90 c’erano i napoletani 99 Posse, dal termine inglese che significa proprio ‘gruppo’, famosi per l’impegno politico-sociale urlato al mondo attraverso le loro canzoni.
Altri nomi cominciarono a circolare nella scena underground di varie città, da nord a sud: Frankie Hi-Nrg MC, OTR, Porzione Massiccia Crew e Bassi Maestro nel settentrione; Assalti Frontali, Sangue Misto, Colle der Fomento, Lou X con C.U.B.A. Cabbal e La Famiglia nella vivacissima cornice romana e meridionale in genere. Si trattava per lo più di fenomeni di nicchia, legati soprattutto all’ambiente sub-urbano delle rispettive città e conosciuti solo dagli appassionati del genere.

Un primo importante punto di svolta avvenne nel 1993 quando i milanesi Articolo 31 sfondarono con l’album Strade di Città, arrivando a vendere oltre 50.000 copie: segno che il rap italiano era pronto ad essere sdoganato da centri sociali e fumosi locali underground per invadere le grandi platee nazionali.
Al successo commerciale degli Articolo 31 seguì repentinamente quello di altri artisti e gruppi rap come Neffa e i Messaggeri della Dopa, Casino Royale, Sottotono, La Pina, Gemelli Diversi.
Altri rapper sono poi emersi nel terzo millennio, ma questa è tutta un’altra storia di cui ci occuperemo prossimamente.

Nelle pagine seguenti scoprite la nostra personalissima classifica dei brani simbolo del rap italiano anni 90.

1 di 11

Pagina iniziale

1 di 11

Parole di Raffaele Dambra

Da non perdere

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.