Quantitative easing, cos’è la manovra di Draghi alla BCE?

Quantitative easing, cos'è la manovra di Draghi alla BCE?

La Bce ha iniziato l’operazione di quantitative easing per riportare il tasso di inflazione verso il 2% e riattivare il credito nell’Eurozona.

1 di 5

1 di 5

DRAGHI1

Il quantitative easing è iniziato quando la Bce ha iniziato a comprare i titoli della Germania. I primi acquisti sono stati concentrati sui titoli di Stato tedeschi, poi si è passati a quelli francesi e, in un’altra fase, a quelli italiani. L’obiettivo è quello di riportare il tasso di inflazione verso il 2% e di riattivare il credito dell’Eurozona tramite l’acquisto di titoli al ritmo di 60 (ora 80) miliardi di euro al mese. Titoli di Stato, obbligazioni di istituzioni europee, titoli cartolarizzati e obbligazioni garantite: su questi prodotti si concentra l’istituto diretto da Mario Draghi. E’ un’operazione molto importante, che è stata usata per la prima volta nella storia della Bce.

1 di 5

Pagina iniziale

1 di 5

Parole di Danilo Capone

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.