Separazione, la legge Pillon cambia tutto: via l’assegno per i figli e l’assegnazione della casa

I cambiamenti previsti dalla legge Pillon sull'affido condiviso dei figli a seguito di separazioni e divorzi. In discussione al Senato

Pubblicato da Kati Irrente Lunedì 10 settembre 2018

separazione affidamento figli

Cambiamenti in vista con il nuovo ddl del senatore Simone Pillon (Lega): “Norme in materia di affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bigenitorialità” che sarà in discussione in Parlamento a settembre. La norma che modifica il diritto di famiglia in materia di separazione dei genitori e mantenimento dei figli si annuncia come una rivoluzione che porta però a galla delle criticità evidenti. Anche se le nuove regole saranno derogabili se c’è accordo tra le parti. Vediamo di seguito i punti principali e quali cambiamenti apporterà i nuovo disegno di legge, il cui iter parlamentare è cominciato in commissione Giustizia del Senato. In sintesi il testo cancella l’assegno di mantenimento, prevede il doppio domicilio per il minore e introduce l’obbligo della figura del mediatore familiare.

Introduzione del mediatore familiare

Prima di tutto, chi vorrà separarsi sarà obbligato a rivolgersi a un ”mediatore familiare” (che è una figura diversa dall’avvocato) prima di presentarsi dal giudice, con un decisivo aumento delle spese. Le critiche: ‘separarsi sarà difficile per chi non ha soldi, tanti i figli costretti a vivere con due genitori che si odiano’.

Via l’assegno per i figli

Per quanto riguarda il mantenimento dei figli, spiega Pillon che i genitori devono prendersi cura alla pari dei bambini: “E’ prevista la sostanziale soppressione dell’assegno di mantenimento. Non ci sarà più l’obbligo di versare soldi all’altro genitore, perché il mantenimento dei figli sarà un onere di entrambi che provvederanno in maniera diretta, come accade nelle coppie conviventi, salvo diverso accordo”. Il problema sorge se un genitore è meno capace economicamente. Nei casi in cui si leveranno contestazioni sarà giudice a stabilire il mantenimento diretto “sulla base del costo medio dei beni e servizi per i figli, individuato su base locale in ragione del costo medio della vita come calcolato dall’Istat”.

Doppia residenza per i figli

Il ddl indica nella responsabilità e nell’impegno dei genitori nei confronti dei minori la linea da seguire, e sottolinea la condivisione dell’affidamento. Quindi è prevista la doppia residenza per i figli: “Salvo diverso accordo tra le parti e salvo comprovato e motivato pericolo di pregiudizio per la salute psico-fisica dei figli deve essere garantita alla prole la permanenza di non meno di 12 giorni al mese, compresi i pernottamenti, presso il padre e presso la madre”. Il problema sorge per chi non ha la possibilità di ospitare il figlio in spazi adeguati, che si vedrà negare il diritto di tenerlo con sé. In caso di difficoltà la legge prevede “adeguati meccanismi di recupero durante i periodi di vacanza”.

L’assegnazione della casa

Via l’assegnazione della casa, almeno per principio. E se la casa eccezionalmente dovesse essere assegnata a uno dei due genitori, l’assegnatario dovrà pagare un’indennità di occupazione all’altro genitore.

Stesso tempo da trascorrere con mamma e papà

Il minore ha “il diritto di trascorrere con ciascuno dei genitori tempi paritetici ed equipollenti, salvo i casi di impossibilità materiale”, si legge nel testo firmato da Pillon. Ma il problema potrebbe diventare enorme dato che l’art. 11 del progetto di legge prevede che chi non ha la possibilità di ospitare il figlio in spazi adeguati non ha il diritto di tenerlo con sé, e venendo meno i tempi “paritetici” il genitore con meno possibilità economica potrebbe rischiare di perdere anche il diritto di vedere e stare con il figlio.