Picacismo

Picacismo: storie di persone che mangiano oggetti non commestibili

Vediamo insieme alcune delle storie più famose di gente che soffre dell'irrefrenabile impulso di mangiare oggetti inedibili.

1 di 14

1 di 14

Picacismo

Il picacismo è un disturbo alimentare dovuto a carenze nutrizionali, una alterazione del senso del gusto che spesso è presente in alcune malattie mentali. Consiste nell’incontrollato desiderio di mangiare cose non commestibili, oggetti qualsiasi come carta, sapone, spugne, pietre, sabbia, plastica, gommapiuma, vernice… Secondo uno studio recente, a soffrire di picacismo non sarebbero soltanto i bambini e le donne in gravidanza, ma anche gli uomini.

Le cause del picacismo

Probabilmente la causa è una carenza di vitamine o di ferro, spesso compare come conseguenza della celiachia, o in persone affette da schizofrenia. Il problema è che l’ingestione di sostanze non commestibili non solo non apporta elementi nutritivi all’organismo, ma può essere molto pericolosa. Si rischia l’avvelenamento, senza contare i danni all’apparato digerente e l’ostruzione gastrica, accompagnata a volte da infezioni gravi.

Vediamo insieme nelle schede seguenti alcune delle storie più famose di gente che soffre di picacismo.

1 di 14

Pagina iniziale

1 di 14

Parole di Kati Irrente

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.