Partiti Euroscettici 150x150

Partiti euroscettici in Europa: continua l’avanzata di chi vuole separarsi dall’Unione europea

C'è sempre più sfiducia nei confronti delle Istituzioni comunitarie, anche in paesi come l’Italia che hanno una forte vocazione europeista. Vediamo quali sono i principali partiti euroscettici del Vecchio Continente.

1 di 13

1 di 13

Partiti Euroscettici 150x150

In tutta Europa continua l’avanzata de partiti euroscettici che vogliono separarsi dall’Unione europea e che tentano in tutti i modi di spingere l’opinione pubblica a prendere una decisione favorevole verso tematiche euroscettiche ed antieuropeiste. Non sono soltanto i partiti nazionalisti e populisti a dichiararsi euroscettici, ma anche i gruppi della sinistra radicale e di ispirazione no global. Tale fenomeno coinvolge quasi tutti i paesi dell’Unione, da est a ovest, da nord a sud. Le critiche all’Europa come istituzione non sono un mistero: in troppi non sopportano l’eccessiva burocratizzazione e l’austerity che sfavorisce la crescita dei paesi membri, in troppi pensano all’Euro come alla causa di tutti i mali economici interni, ma soprattutto in troppi sono convinti (a buon diritto) che l’Europa non sia politicamente all’altezza di gestire situazioni importanti come ad esempio l’immigrazione. Dopo aver visto i movimenti secessionisti europei Andiamo a scoprire quali sono i partiti politici euroscettici e antieuropeisti, ossia interessati all’uscita del proprio Stato dall’Unione Europea, precisando che gli anti-euro non sono necessariamente contro l’Europa Unita, ma contro la politica economica da essa imposta.

1 di 13

Pagina iniziale

1 di 13

Parole di Kati Irrente

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.