Opere d’arte rovinate dalla gente: stupidità o distrazione?

Opere d'arte rovinate dalla gente: stupidità o distrazione?

Quali sono le opere d'arte rovinate dalla gente? Che sia per stupidità, distrazione o goffaggine, molti dei capolavori artistici mondiali hanno subito danni irreparabili.

1 di 5

1 di 5

il sogno1

Quali (e quante) sono le opere d’arte rovinate dalla gente? Stupidità, distrazione, o semplice follia spesso hanno irrimediabilmente deturpato alcuni dei dipinti più celebri della Storia dell’Arte, alcuni dei quali, però, sembra non abbiano risentito del danno, per lo meno dal punto di vista del valore. E’ il caso, ad esempio, di un famoso quadro di Picasso che, dopo essere stato danneggiato da un miliardiario statunitense, ora vale molto più di prima e fa tranquillamente bella mostra di sé presso un celebre museo americano, la Galleria Acquavella di New York. Non solo. In passato, durante i primi anni del Settecento, lo splendido capolavoro di Rembrandt dal titolo La ronda di notte, subì un incredibile ‘intervento’ – fu accorciato – per poter essere appeso alle pareti del Municipio di Amsterdam. L’opera poi, nel corso degli anni, fu vittima purtroppo di diversi atti vandalici, ma il primo, dettato da una discutibile ‘buona fede’, fu davvero di suprema ignoranza. Recentissima, invece, è la notizia di un maldestro (e frettoloso) tentativo di riparare una maschera funeraria di Tutankhamon che, sottoposta ad una semplice azione di pulizia, sarebbe stata invece, irrimediabilmente rovinata.
Ma, vandalismo a parte, molti dei gesti (inconsulti) compiuti ai danni di opere d’Arte sono frutto di meccanismi di non facile comprensione, anche se stupidità e distrazione spesso la fanno da padrone. Non ci credete? Date un’occhiata alle pagine seguenti, ne vedrete davvero delle belle.

1 di 5

Pagina iniziale

1 di 5

Parole di Caterina Padula

Giornalista pubblicista, appassionata di scrittura, mi occupo da anni di approfondimenti culturali e di informazione online. Da sempre lettrice accanita e curiosa, amo la musica, l'arte e tutto ciò che è natura.

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.