Oceania Vaiana e Maui 3

Oceania, torna l’avventura al femminile targata Disney

Una nuova principessa e una nuova storia di formazione ambientata tra le onde dell’Oceano

3 di 5

3 di 5

[npgallery id=”8403″]

Cast artistico – I doppiatori italiani:

Emanuela Ionica: Vaiana Waialiki

Fabrizio Vidale: Maui

Roberto Pedicini: Tui Waialiki

Micaela Incitti: Sina

Angela Finocchiaro: Nonna Tala

Raphael Gualazzi: Tamatoa

Tra i doppiatori italiani del film, spicca il nome di Angela Finocchiaro, attrice e comica milanese, vista di recente in Non c’è più religione al fianco di Claudio Bisio. Fanno parte della squadra anche Fabrizio Vidale, “voce italiana” di Jack Black, il musicista Jazz Raphael Gualazzi e la giovane Emanuela Ionica, che doppia anche Violetta nell’omonima serie Disney.

Cast artistico – I doppiatori originali:

Auli’i Cravalho: Vaiana Waialiki

Dwayne Johnson: Maui

Temuera Morrison: Tui Waialiki

Nicole Scherzinger: Sina

Rachel House: Nonna Tala

Alan Tudyk: HeiHei

Jemaine Clement: Tamatoa

Nella versione originale, la protagonista si chiama Moana anziché Vaiana, ed è doppiata dalla giovanissima attrice hawaiana Auli’i Cravalho. L’ex wrestler The Rock, ovvero Dwayne Johnson dà voce a Maui, mentre Temuera Morrison, attore maori protagonista del film cult Once Were Warriors, impersona il padre di Moana/Vaiana. Il granchio gigante Tamatoa è doppiato dal neozelandese Jemaine Clemens, che interpreta anche uno dei giganti nel GGG di Spielberg. Alan Tudyk, voce del pollo HeiHei, ha recentemente impersonato anche K-2SO, il droide pessimista di Rogue One.

Cast tecnico:

Regia: Ron Clements, John Musker
Storico duo di registi d’animazione di casa Disney: insieme, hanno lavorato a Basil l’investigatopo, Aladdin, La sirenetta, Hercules, Il pianeta del tesoro e La principessa e il ranocchio.

Sceneggiatura: Jared Bush

3 di 5

Pagina iniziale

3 di 5

Parole di Andrea Calaresi

Da non perdere

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.