Mattarella, a volte interessi Paese sono

Nuovo governo: programma, ministri e presidente del Consiglio

Di Maio disponibile a governare spostando Paolo Savona dall'Economia ad altro dicastero. Salvini si dice aperto al dialogo ma sotto sotto vuole andare al voto approfittando dell'ondata di consenso (27.5%, sondaggio SWG)

1 di 11

1 di 11

Mattarella, a volte interessi Paese sono "neutrali"Dalle comiche alle coliche: nel giro di 48 ore Di Maio è passato dalla disponibilità a formare un governo, alla richiesta di impeachment per Mattarella (in caso di condanna può esserci il carcere a vita) e poi di nuovo alla disponibilità a governare. I mal di pancia per il presidente della Repubblica continuano anche questa mattina.

DI MAIO punta ad andare al governo e propone un nome diverso all’Economia, al posto del contestatissimo Paolo Savona. Secondo la stampa si tratterebbe dell’economista Pierluigi Ciocca, classe 1941, per 11 anni alla dirigenza generale di Bankitalia. E a Savona sarebbe riservato un altro ministero, magari gli Esteri. Ma, a quanto pare, sono solo speculazioni dal momento che il diretto interessato smentisce seccamente: “Notizia senza fondamento”.
Torna dunque in pista Giuseppe Conte, come papabile per un governo a trazione legastellata (Lega + MoVimento 5 Stelle).
Cottarelli, per rispetto istituzionale, pur avendo pronta una lista di ministri fa un passo di lato e attende le valutazioni di Mattarella.
Di Maio inizia ad essere colpito da fuoco amico. Alcuni parlamentari grillini criticano le sue giravolte, la scelta di Savona e l’essersi prestato alle strategie di Salvini. Con aplomb istituzionale la vicepresidente della Camera Paola Taverna avanza una critica misurata e timida: “La verità è che tu hai giocato a chi ce l’ha più lungo con Mattarella”. E Di Maio, da quanto pubblicato da diverse fonti, si sfoga: “Ci hanno fregato tutti? Preferisco passare per brava persona che per furbo. Ci trattano come i Calimero della politica. Ci trattano come gli scemi”. A consolare Di Maio ci pensa la mamma Paola Esposito, che dichiara orgogliosa: “Per me è lo scarrafone più bello che ci sia”. Ma tornando alla politica, proprio su Savona, Di Maio colleziona una gaffe: sostiene di averlo conosciuto solo 15 giorni prima di averlo proposto a Mattarella, ma un video di due anni fa lo smentisce. Il nervosismo è palpabile: per la prima volta dall’inizio dell’anno il MoVimento 5 Stelle è in calo nei sondaggi, inoltre se si tornasse al voto i neoparlamentari 5 Stelle, che sono la maggioranza, potrebbero perdere la poltrona.

SALVINI è il perno attorno al quale tutto ruota: prima ha ribaltato il tavolo impuntandosi su Savona all’Economia. Ora annuncia disponibilità, ma scarica su Di Maio ogni responsabilità: “Sono una persona paziente, ma la mia pazienza è quasi finita”. Le intenzioni di Salvini sono chiare: tornare al voto. Il leader del carroccio ha notato che il suo consenso cresce giorno dopo giorno. Oggi secondo un sondaggio SWG la Lega otterrebbe il 27,5% delle preferenze, praticamente 10 punti in più rispetto ai risultati del 4 marzo (17,40%). L’incertezza politica intanto fa galoppare lo spread e ha già bruciato 30 miliardi? Pazienza, ci penseremo poi.

FERBER: l’altro ieri ha destato scandalo l’intervista del commissario europeo al bilancio, di nazionalità tedesca, Günther Oettinger, mal sintetizzata in questo lancio: “I mercati e un outlook negativo insegneranno agli italiani a non votare per i partiti populisti alle prossime elezioni”. Oggi ci pensa il deputato europeo della Csu tedesca Markus Ferber ad offendere l’Italia in questi termini: “Lo scenario peggiore sarebbe quello dell’insolvenza dell’Italia. Poi la troika dovrebbe invadere Roma e prendere in mano il ministero delle Finanze”. Ferber però aggiunge: “Il debito italiano è aldilà delle nostre capacità europee”.

1 di 11

Pagina iniziale

1 di 11

Parole di Redazione

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.