Mostra Urbino: lo studiolo del Duca di Montefeltro ‘ricomposto’ dopo 400 anni

Mostra Urbino: lo studiolo del Duca di Montefeltro 'ricomposto' dopo 400 anni

Mostra a Urbino: lo studiolo del Duca ritorna all'antico splendore. Dal 13 marzo al 5 luglio 2015, esposti 14 ritratti di Uomini Illustri concessi in prestito dal Louvre.

1 di 11

1 di 11

studiolo duca federico

Una mostra a Urbino ‘ricompone’ lo studiolo del Duca Federico da Montefeltro. Da oggi, 13 marzo, fino al 5 luglio 2015, la magnifica ‘stanza dei bottoni’ di Palazzo Ducale tornerà all’antico splendore grazie ai 14 ritratti di Uomini Illustri, tra poeti, papi e scienziati, concessi in prestito dal Louvre di Parigi. Un evento eccezionale – ‘un sogno impossibile che si avvera‘ hanno dichiarato i curatori – che rientra tra gli appuntamenti culturali del prossimo Expo 2015 e che riconferma – qualora ce ne fosse bisogno – l’enorme valore artistico di uno dei luoghi fondamentali del Rinascimento italiano. Qui, uno dei suoi protagonisti più importanti, il Duca Federico II, tesseva le trame del potere, un potere in cui, come ha ricordato l’assessore alla Cultura delle Marche, Pietro Marcolini, ‘cultura, arte e politica si fondevano in un connubio vitale ancora oggi di grande attualità‘. I 28 quadri ad olio raffiguranti altrettanti uomini illustri – opera di Giusto di Gand e Pietro Berruguete – dunque, si riuniscono, per la prima volta dal 1476, grazie ad una mostra dal titolo Lo studiolo del Duca – Il ritorno degli Uomini Illustri alla Corte di Urbino, che ricompone il corpus che decorava il fregio originale dello studiolo, dopo che era stato smembrato, in parti uguali, tra il Louvre di Parigi e la Galleria Nazionale delle Marche.

1 di 11

Pagina iniziale

1 di 11

Parole di Caterina Padula

Giornalista pubblicista, appassionata di scrittura, mi occupo da anni di approfondimenti culturali e di informazione online. Da sempre lettrice accanita e curiosa, amo la musica, l'arte e tutto ciò che è natura.

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.