Monumenti, siti archeologi e opere d’arte distrutti dall’Isis: tutti i casi

Monumenti, siti archeologi e opere d’arte distrutti dall’Isis: tutti i casi

Continua la distruzione da parte dei miliziani dell'Isis di monumenti archeologici di inestimabile valore: da una parte li considerano sacrileghi, dall'altra li rivendono sul mercato nero.

1 di 10

1 di 10

isis iraq

L’Isis sta proseguendo nella sua campagna di distruzione di siti archeologici noti per essere patrimonio dell’umanità. L’Isis sta sistematicamente eliminando il patrimonio storico e artistico delle regioni che è riuscita a conquistare, e i motivi sono diversi. Lo Stato islamico nutre con questi atti vandalici la sua propaganda, accanendosi sui tesori dell’arte custoditi in regioni che in passato sono state il centro culturale ed economico dei imperi fiorenti. Per vendicare le offese all’Islam, i jihadisti di al-Baghdadi hanno quindi annunciato l’intenzione di distruggere tutti i reperti archeologici che ricordano anche lontanamente culti pagani. Di seguito, tutti gli scempi dell’Isis sull’arte pre-islamica.

1 di 10

Pagina iniziale

1 di 10

Parole di Kati Irrente

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.