Misteri e fatti poco conosciuti sul Cristianesimo

Misteri e fatti poco conosciuti sul Cristianesimo

Quali sono i misteri e i fatti poco conosciuti del Cristianesimo? Guardiamone brevemente qualcuno.

2 di 9

2 di 9

Offrirsi vittima a Dio

croce

Il concetto di ‘sacrificio‘, presente, peraltro, in tutte le religioni del mondo, consiste nel rendere ‘sacro‘ un oggetto, un animale o ad un essere umano, dedicandoli, come atto propiziatorio, ad una o più entità sovrumane. Nel Cristianesimo, il ‘sacrificio’ inteso come l’offerta di se stessi come vittima a Dio, è per eccellenza quello di Cristo che, morendo sulla croce, ha offerto se stesso per salvare l’umanità. Il termine ‘sacrificio’ però ha perduto nel tempo quest’accezione religiosa, ed indica, nella terminologia corrente, uno sforzo o la rinuncia di un qualcosa a cui si tiene.
Offrirsi vittima a Dio è il sacrificio supremo per un cristiano. Nel libro “Padre Pio. Breve storia di un santo”, l’esorcista Gabriele Amorth racconta come il mistico di Pietrelcina si fosse offerto vittima per la redenzione dei peccatori e per accorciare i tormenti delle anime del Purgatorio. Offrirsi vittima a Dio significa accogliere la sofferenza suprema, per la salvezza e la redenzione del prossimo. Padre Amorth raccomanda di non fare mai questo passo estremo, se non dopo profonda meditazione e dietro il consiglio di una guida spirituale. Il patto con Dio non può essere infranto e le conseguenze di questa scelta sono sempre drammatiche.

2 di 9

Pagina iniziale

2 di 9

Parole di Caterina Padula

Giornalista pubblicista, appassionata di scrittura, mi occupo da anni di approfondimenti culturali e di informazione online. Da sempre lettrice accanita e curiosa, amo la musica, l'arte e tutto ciò che è natura.

Da non perdere

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.