Matteo renzi e l’inglese: un rapporto sempre più difficile

Matteo renzi e l'inglese: un rapporto sempre più difficile

Ancora uno scivolone per il premier e l'inglese: dedica con errore nel libro degli ospiti alla Casa Bianca dopo la visita a Barack Obama.

1 di 4

1 di 4

renzi 150x150

Il rapporto di Matteo Renzi e l’inglese è quello che si definisce di odio-amore. Dal Jobs Act alla spending review, passando per hastag, il premier non perde occasione per usare termini anglosassoni per definire la sua politica, ma il livello di conoscenza della lingua a volte lascia davvero a desiderare. Sul web spopolano le parodie dei discorsi in inglese: la rete non perdona anche quando si tratta di errori di scrittura in frasi ufficiali. Da un presidente del Consiglio che tanto guarda al mondo britannico come modello di politica ci si aspetterebbe una conoscenza perfetta della lingua: invece gli strafalcioni e gli errori non mancano.

1 di 4

Pagina iniziale

1 di 4

Parole di Gianluca Rini

Gianluca Rini è stato collaboratore di Nanopress, Tanta Salute e Pourfemme dal 2014 al 2017, occupandosi principalmente di tematiche relative alla salute, l'ambiente, il benessere.

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.