L’omosessualità secondo le religioni: il confronto fra cristianesimo, ebraismo e islam

L'omosessualità secondo le religioni: il confronto fra cristianesimo, ebraismo e islam

L'omosessualità vista dalle principali religioni monoteiste del mondo: cosa dicono le confessioni e quali dibattiti si sono aperti nei confronti dei gay nelle diverse Chiese.

1 di 4

1 di 4

gay

Il rapporto tra omosessualità e religione è molto complesso e spesso negativo. L’amore, ma soprattutto i rapporti sessuali tra due persone dello stesso sesso viene visto come qualcosa che va contro la natura perché non destinato alla procreazione. Il punto centrale è che le religioni non vedono di buon occhio anche il sesso tra eterosessuali se non è legato al matrimonio e all’unione di uomo e donna destinato a mettere al mondo figli. L’atto che avviene tra due uomini o due donne, al di fuori dei vincoli sociali e religiosi imposti dal matrimonio e quindi destinato solo al reciproco piacere, non è compreso nelle regole religiose. Da qui nasce un rapporto negativo, che vede l’omosessualità come qualcosa di contrario alla fede: vediamo cosa dicono le principali religioni monoteiste.

1 di 4

Pagina iniziale

1 di 4

Parole di Lorena Cacace

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.