Robot senso tatto

Le protesi tech potranno "sentire" per recuperare il senso del tatto perduto

Il caso del braccio robotico del quadriplegico Jan Scheuermann che è tornato a recuperare percezioni tattili

1 di 11

1 di 11

Robot senso tatto

Nel 2012, il quadriplegico Jan Scheuermann era riuscito a recuperare l’uso del braccio grazie a una protesi robotica che poteva consentirgli di afferrare oggetti con precisione grazie al lavoro dei ricercatori della University of Pittsburgh e University of Pittsburgh Medical Center (UPMC). Dagli stessi scienziati ora è riuscito a passare a un livello successivo con la percezione del tatto di un dito e di una mano. Come è stato possibile tutto questo? Con un collegamento letteralmente via cavo al cervello per usare il pensiero come mezzo di controllo, sostituendo l’azione dei nervi con componenti elettronici. Poteva così inoltre capire se la pressione esercitata era forte o debole su vari livelli di sensibilità e se una temperatura fosse calda o fredda.

1 di 11

Pagina iniziale

1 di 11

Parole di Diego Barbera

Diego Barbera è stato un redattore interno di Nanopress fino al 2018. Si è occupato di tecnologia, sport, cronaca.

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.