Renault Trezor_Concept 2016 1600 07

Le concept car più innovative del salone di Parigi 2016

Motori elettrici, design estremo e guida autonoma uniscono molti dei prototipi presentati allo show francese

1 di 6

1 di 6

Renault Trezor_Concept 2016 1600 07

In un salone di Parigi 2016 avaro di novità realmente acquistabili dalle persone normali che devono usare l’auto tutti i giorni, le concept car hanno catturato molta dell’attenzione mediatica. I principali dirigenti di molti fra i più importanti costruttori, presenti o assenti alla manifestazione francese, stanno facendo una gara a chi pronuncia più spesso le seguenti parole: elettrificazione, mobilità, guida autonoma. Sta diventando un mantra, un messaggio da spingere con forza nella testa della gente. Persone che in Europa comprano auto elettriche per meno dello 0,5% del mercato (negli USA non sono messi molto meglio, sfiorano l’1%); pendolari che del car sharing o del ride sharing se ne fanno poco, se devono partire tutti i giorni da un’abitazione esterna alla cintura metropolitana, dove tutti questi servizi si fermano; automobilisti che forse tendono a fidarsi molto poco di vetture che dicono di guidare da sole ma poi si scopre che in realtà non lo fanno, perché il mondo reale è molto più complesso di quello pubblicitario.

Tuttavia non si può restare ancorati al passato. Ci sono fatti che restano incontrovertibili anche dopo averli filtrati dalla propaganda. Il petrolio ad un certo punto finirà e questo momento si avvicinerà molto più rapidamente in corrispondenza al colossale aumento della domanda da parte di Cina e India, due nazioni a forte crescita nei consumi energetici che totalizzano da sole il 35% della popolazione mondiale. L’inquinamento atmosferico è effettivamente preoccupante, sebbene sia criminale da parte delle amministrazioni pubbliche e dei fanatici da cui si lasciano manipolare addossarne tutte le colpe all’automobile. Questi due elementi combinati obbligano a percorrere la strada dell’elettrificazione dei veicoli, per quanto triste ciò possa essere per chi ama il suono dei veri motori. Infine l’affollamento sempre più caotico dei centri urbani e la cronica insufficienza dei trasporti pubblici (e la pessima pianificazione edilizia) hanno ridotto la circolazione ad una mesta processione a passo d’uomo. E’ vero che queste condizioni spesso fanno passare la voglia di guidare.
Allora diamo un’occhiata ad alcuni di questi concept mostrati al salone di Parigi, prevalentemente, ma non tutti, orientati verso questi parametri. Ordine alfabetico.

1 di 6

Pagina iniziale

1 di 6

Parole di Roberto Speranza

Da non perdere

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.