Anime Dragon Ball 150x150

Le citazioni più belle degli anime e dei manga

Quali sono le citazioni più belle degli anime e dei manga giapponesi? Ecco una breve selezione di frasi tratte da quelli più famosi

1 di 11

1 di 11

Anime Dragon Ball 150x150

Quali sono le citazioni più belle degli anime e dei manga? Come molti sanno sia gli uni che gli altri hanno un ruolo fondamentale nella cultura giapponese: sono considerati, infatti, dei mezzi espressivi di tutto rispetto, alla stregua di cinema, arte e letteratura. Strettamente legati tra loro – gli anime, i cartoni animati, spesso sono tratti dalle storie dei manga, ossia i fumetti – hanno vissuto uno straordinario sviluppo dalla fine degli anni Sessanta, grazie al fiorente mercato dei fumetti e all’avvento della televisione. Dall’enorme ‘serbatoio creativo’ dei manga, e dalla cultura fumettistica tradizionale giapponese, hanno preso vita le serie animate più famose e longeve di sempre che, da Lady Oscar a Dragon Ball, da Mila e Shiro a Capitan Harlock, costituiscono, ancora oggi, un vero e proprio fenomeno mondiale. Suddivisi in base al target al quale si riferiscono, gli anime e i manga si distinguono in diverse categorie: dal romantico Candy Candy al fantascientifico Naruto, dallo sportivo Holly e Benji alla magia di Creamy. Sulla scia del successo che, soprattutto dagli anni Ottanta in poi, i cartoni animati giapponesi hanno avuto in Italia, abbiamo raccolto una breve selezione delle citazioni più belle tratte dagli anime e dai manga più famosi di sempre: se avete voglia di scoprire quali sono, date un’occhiata alle pagine seguenti.

1 di 11

Pagina iniziale

1 di 11

Parole di Caterina Padula

Giornalista pubblicista, appassionata di scrittura, mi occupo da anni di approfondimenti culturali e di informazione online. Da sempre lettrice accanita e curiosa, amo la musica, l'arte e tutto ciò che è natura.

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.