Batteria sangue

La batteria del futuro funzionerà grazie al sangue

Un progetto interessante che dimostra come sia possibile aumentare la durata della vita delle batterie

1 di 7

1 di 7

Batteria sangue

Il segreto per batterie durature, più efficienti e bio-compatibili? Il sangue umano. No, non significa che andremo direttamente a infilarci un ago in vena con l’altra estremità microUSB da pluggare nel cellulare, ma che il nostro liquido vitale ha un componente che può migliorare le prestazioni della funzione litio-ossigeno più di quella delle batterie tradizionali agli ioni di litio. La nuova generazione di batterie, infatti, può aumentare il tempo col quale trattengono e rilasciano carica aumentando in modo sensibile la durata della vita dei dispositivi moderni anche di diverse settimane. Tuttavia, è necessario combattere l’accumulo di perossido di litio, che riduce l’efficacia degli elettrodi e questo può essere ottenuto trattenendo ossigeno nelle celle. Per farlo, si sta testando l’emoglobina, che è responsabile del trasporto proprio dell’ossigeno nel corpo umano. In queste batterie, si dissolve negli elettroliti riducendo in modo netto l’energia necessaria a carica-scarica. Come verrebbe ricavata l’emoglobina per questa applicazione? Nell’industria animale, sono milioni i litri di sangue che diventano rifiuto inutilizzabile e che potrebbero invece trovare nuovo e utile utilizzo. Scopriamo le altre innovative idee per la ricarica della batteria.

1 di 7

Pagina iniziale

1 di 7

Parole di Diego Barbera

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.