Jobs act Renzi: cosa cambia? Significato e testo della riforma del lavoro

Jobs act Renzi: cosa cambia? Significato e testo della riforma del lavoro

Il Jobs Act di Renzi prevede l'introduzione del contratto a tutele crescenti, che partirà dal primo marzo. Riportiamo il significato del testo e il pdf.

1 di 7

1 di 7

Il Consiglio dei Ministri ha lavorato per varare i decreti attuativi della riforma del lavoro. Il Jobs Act di Renzi prende vita. In particolare è stato stabilito che da marzo prenderà il via il contratto a tutele crescenti e sarà detto addio ai contratti co.co.pro. E’ prevista l’eliminazione delle collaborazioni a progetto con il divieto di nuovi contratti di questo genere. Viene cancellato anche il contratto di associazione in partecipazione, che è utilizzato soprattutto nel settore commerciale. Si è stabilito di procedere all’ok definitivo anche per i nuovi ammortizzatori sociali. Il primo passo in questo senso è rappresentato dalla Dis-Coll, l’indennità di disoccupazione per i collaboratori che hanno almeno 3 mesi di versamenti contributivi. L’altra novità è la Naspi, che scatterà da maggio e che prevede un sussidio pari alla metà dei periodi contributivi degli ultimi 4 anni.

Il Premier respinge le accuse di chi gli dice di aver fatto una legge che giova prima di tutto agli industriali. Il provvedimento è stato approvato senza modifiche nel testo, anche se le critiche sono state molte. Pareri critici sono arrivati da parte di Francesco Boccia, presidente della Commissione Bilancio della Camera, e da parte dei rappresentanti di SEL, in primo luogo Nichi Vendola. Nel Jobs Act il contratto a tempo indeterminato diventa la forma privilegiata rispetto agli altri tipi di contratti. Proprio il tempo indeterminato viene incentivato con un taglio dei contributi o dell’Irap. Inoltre viene previsto un nuovo tipo di contratto a tutele crescenti, che variano in base all’anzianità di servizio. Il piano del Premier sembra essere ormai giunto alla sua versione definitiva, che risponde all’obiettivo della semplificazione.

Il disegno sulla riforma del lavoro varato dal Governo ha l’obiettivo di arrivare al superamento di tutte le forme di contratto oggi esistenti e di fare in modo che allo stesso tempo venga ridotta la precarietà.

JOBS ACT DI RENZI: TESTO INTEGRALE IN PDF

1 di 7

Pagina iniziale

1 di 7

Parole di Mario Bello

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.