siria italiani rapiti

Italiani rapiti nel mondo: l'elenco di tutti quelli sequestrati all'estero

Le storie e i destini dei connazionali sequestrati all'estero

3 di 19

3 di 19

Bruno Cacace e Danilo Calonego

due italiani rapiti in Libia

Il sequestro di Bruno Cacace e Danilo Calonego, confermato lunedì 19 settembre dalla Farnesina era apparso fin da subito estremamente delicato. Il caso venne seguito direttamente anche dal premier Matteo Renzi, in contatto con il ministro degli esteri Paolo Gentiloni e l’autorità delegata ai Servizi, il sottosegretario Marco Minniti. La Farnesina confermò il 5 novembre scorso che i due tecnici italiani della società Conicos (e anche il cittadino canadese Frank Poccia), erano stati liberati nel sud della Libia per poi fare rientro in Italia. Calonego, Cacace e Poccia erano stati sequestrati da un gruppo armato a Ghat, nei pressi del cantiere della Con.I.Cos (Contratti Italiani Costruzioni), ditta che opera da decenni in Libia con numerose commesse di ingegneria civile e ha la sua sede centrale a Tripoli, ma anche uffici a Derna, Bengasi e, appunto, Ghat.

3 di 19

Pagina iniziale

3 di 19

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere

© 2005-2022 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.