Io, Daniel Blake Dan protesta

Io, Daniel Blake: un dramma sociale in puro stile Ken Loach

Ken Loach non si smentisce e gira un altro capolavoro di impegno civile

1 di 5

1 di 5

Ken Loach è uno di quei registi duri e puri che sembrano farsi un baffo degli anni che passano: a ottant’anni suonati, il regista inglese è ancora saldamente attaccato alla sua macchina da presa, con la quale gira quasi un film all’anno e grazie alla quale riesce ancora a dialogare con un pubblico medio ben più giovane di lui. Il cinema di Loach è quello dell’impegno civile, delle battaglie sociali e della lotta in difesa dei più deboli: un cinema impegnato e impegnativo, fatto con pochi mezzi e spesso con attori non professionisti. Ken Loach gira film che sembrano sbucati dal passato, ma che parlano del presente: tematiche attuali affrontate con stile e mezzi da neorealismo italiano, un mix pericoloso per chi voglia vedersi soltanto film leggeri o d’evasione… Eppure, il vecchio Loach raramente manca il bersaglio. Il suo è un cinema che merita di essere fatto, e merita anche di essere visto.

1 di 5

Pagina iniziale

1 di 5

Parole di Andrea Calaresi

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.