lupi1 150x150

Inchiesta Grandi opere: come funziona il sistema della corruzione?

La rete tra imprenditori e burocrati scoperta dai magistrati di Firenze sull'inchiesta Grandi opere che ha portato alle dimissioni di Maurizio Lupi.

1 di 6

1 di 6

lupi1 150x150

Un “sistema” per gestire da almeno 15 anni gli appalti delle Grandi opere tra favori e soldi pubblici sperperati, con costi aumentati a dismisura pur di favorire i “soliti amici” e che oggi ha portato alle dimissioni di Maurizio Lupi da Ministro delle Infrastrutture. Le carte della Procura di Firenze, da cui tutto è partito, rivelano una rete di interessi tra aziende e alti funzionari dello Stato che ha portato a deliberare in 15 anni 25 miliardi di euro per opere pubbliche che riguardano tutta Italia, dall’Alta Velocità Milano-Verona, al porto di Ostia, il valico di Giovi e l’ormai eterna Salerno-Reggio Calabria. Dalla struttura tecnica di missione, la “centrale operativa” del ministero, sono state gestiti tutti i lavori legati alle Grandi opere dati sempre alle stesse, poche imprese.

1 di 6

Pagina iniziale

1 di 6

Parole di Lorena Cacace

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.