quadri più famosi di monet, la passeggiata

I 10 quadri più famosi di Monet

Quali sono i 10 quadri più famosi di Monet? Nato a Parigi nel 1840, Claude Monet è considerato il fondatore della corrente impressionista. Dal suo talento artistico, in cui non mancava una buona dose di genialità, sono nati capolavori come La passeggiata, I papaveri e Impressione, levar del sole, opere che ancora oggi, a distanza di oltre un secolo, sono capaci di emozionare studiosi, critici e semplici appassionati di arte.

1 di 11

1 di 11

[npgallery id=”6843″]

Quali sono i 10 quadri più famosi di Monet? Tra i pittori che affollano la storia dell’arte del XIX secolo Claude Monet è senza dubbio uno dei più amati: il talento artistico, ed una buona dose di genialità, hanno fatto sì che rivoluzionasse, insieme a pittori come Renoir, Manet e Degas, la pittura dell’epoca, dando vita ad un movimento, l’Impressionismo, che introdusse novità significative nel linguaggio artistico del tempo: riscoperta del paesaggio, grande interesse per il colore prima ancora che per il disegno e l’emotività dell’artista prima di tutto. Claude Monet, con capolavori come La passeggiata o il celeberrimo Impressione, levar del sole, è stato l’interprete più fine e prolifico di questa nuova corrente pittorica, in cui l’en plein air (dipingere all’aria aperta) permetteva di fissare sulla tela ciò che il mondo in quel momento regalava, dalla luce al massimo del suo splendore, all’istante preciso che si voleva rappresentare. Per conoscere un po’ meglio questo movimento, e colui che la critica considera il padre fondatore, ecco i 10 quadri più famosi di Claude Monet. Nelle prossime pagine, sfogliatele con noi.

1 di 11

Pagina iniziale

1 di 11

Parole di Caterina Padula

Giornalista pubblicista, appassionata di scrittura, mi occupo da anni di approfondimenti culturali e di informazione online. Da sempre lettrice accanita e curiosa, amo la musica, l'arte e tutto ciò che è natura.

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.