Giornalisti sotto scorta in Italia: tutti i minacciati dalla criminalità

Giornalisti sotto scorta in Italia: tutti i minacciati dalla criminalità

Diversi i casi di giornalisti finiti sotto scorta perché minacciati di morte, soprattutto da parte della criminalità organizzata. L’ultima vicenda è quella di Sandro Ruotolo.

1 di 7

1 di 7

scorta
Diversi sono i casi di giornalisti messi sotto scorta in Italia, perché minacciati dagli esponenti della criminalità organizzata. In particolare ha fatto discutere l’ultimo dei casi del genere, quello di Sandro Ruotolo. Diverse sono state le reazioni, che hanno sottolineato come a rischio non ci sia soltanto la vita di chi si occupa di giornalismo d’inchiesta. Sono in pericolo anche la qualità e l’importanza dell’informazione, che lo Stato avrebbe il dovere di tutelare. La scorta di certo è una misura preventiva, che corrisponde a dirette minacce, ma non bisogna dimenticare l’impegno di chi, da cronista, si cimenta giorno per giorno nel cercare di condividere con gli altri un bene prezioso.

1 di 7

Pagina iniziale

1 di 7

Parole di Gianluca Rini

Gianluca Rini è stato collaboratore di Nanopress, Tanta Salute e Pourfemme dal 2014 al 2017, occupandosi principalmente di tematiche relative alla salute, l'ambiente, il benessere.

Da non perdere

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.