Gente licenziata per via del cancro

Gente licenziata per via del cancro

Se una malattia non pregiudica la capacità di un dipendente a lavorare, non si capisce perchè dovrebbe essere rilevante per il datore, o addirittura costituire il motivo di un licenziamento. Eppure i casi aumentano.

2 di 13

2 di 13

Vincenzo Giunta

Vincenzo Giunta

Vincenzo Giunta, 46 anni, guardia giurata di Brindisi, moglie e due figli, è stato licenziato, per aver ‘consumato’ troppi permessi per la sua malattia. Nonostante debba affrontare ancora un ciclo di venti sedute di radioterapia a Milano, l’istituto di vigilanza Sveviapol Sud per cui lavora da sei anni ha spedito una lettera di licenziamento in marzo 2015, comunicando ‘la risoluzione del rapporto di lavoro‘ ‘in considerazione di assenze per malattia per 244 giorni‘. L’uomo però in questo periodo ha subito tre interventi chirurgici alla testa, e ha deciso che impugnerà il licenziamento.

2 di 13

Pagina iniziale

2 di 13

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.