Gente che ha mollato tutto e ha cambiato vita, storie vere di italiani che ce l’hanno fatta

Gente che ha mollato tutto e ha cambiato vita, storie vere di italiani che ce l'hanno fatta

Non solo cervelli in fuga spinti dalla necessità di migliorare la propria condizione, ma anche persone che hanno deciso di seguire l'istinto di staccare dal tran-tran della frenetica vita moderna.

2 di 6

2 di 6

Paolo e Sara, da Milano a Bali

Vivere a Bali

Gennaio 2015. Paolo Castellari (41) e sua moglie Sara (40) hanno venduto tutto quello che avevano a Milano per trasferirsi in Indonesia insieme ai due figli e alla mamma di lei, per la precisione a Bali. Nonostante entrambi lavorassero, non erano felici. ‘Non ha senso passare tutto il tempo tra palazzi, cemento, pioggia e freddo. Io e mia moglie uscivamo di casa alle 8.30 di mattina e rientravamo alle 8 di sera, totalmente assorbiti dal lavoro, vedevamo i bambini per sbaglio, giusto per dire di no alle mille richieste che ci facevano. Poi loro a letto, noi un film e la giornata finiva‘. E Sara: ‘Ci siamo accorti che eravamo noi stessi solo durante i viaggi. Ne abbiamo fatti tanti. L’ultimo nell’estate 2013, tra Stati Uniti, Canada e Hawaii. Un giro che ci ha aperto gli occhi una volta per tutte e ci ha dato il coraggio di staccare la spina‘. Il 26 gennaio 2015 sono partiti per un viaggio di tre mesi in Nuova Zelanda e Australia, Paolo precisa ‘Poi penseremo a come mantenerci. L’idea è aprire un’agenzia di comunicazione nel settore turismo‘. Sara aggiunge: ‘Mia madre qui con la sua pensione ha un potere d’acquisto tre volte più grande. Farà la gran signora‘.

2 di 6

Pagina iniziale

2 di 6

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.