donna piange

Femminicidio in Italia, i casi di violenza contro le donne che hanno scioccato l'opinione pubblica

Lista di casi di femminicidio in Italia: la tragica conta delle donne uccise dall'inizio dell'anno e negli anni passati, con i casi più recenti di brutale violenza omicida nei confronti di donne, figlie e giovani adolescenti uccise dai compagni, dai mariti, dai padri o dagli ex fidanzati.

1 di 20

1 di 20

donna piange

Perché gli uomini uccidono le donne? La lotta alla violenza contro le donne e al femminicidio dovrebbe essere una priorità di ogni società civile evoluta, ma se guardiamo i dati già raccolti in questi mesi del 2016 vediamo che anche in Italia il fenomeno è tristemente dilagante, nonostante una ‘nuova‘ legge approvata nell’agosto del 2013 per il contrasto della violenza di genere.
Ogni anno il 25 novembre si celebra la Giornata contro la violenza sulle donne, un giorno di riflessione. Ma anche di bilanci. Qualcosa sembra non andare nel giusto verso, e l’obiettivo di prevenire gli omicidi e proteggere le vittime, in molti casi non è stato raggiunto, anche perché – purtroppo – in giro ci sono persone che ancora pensano che il femminicidio sia colpa delle donne.

Il motivo, secondo alcuni, sta nel fatto che le donne ‘provocano’. E se è una donna a dirlo, pure candidata con un partito come Forza Italia, restare basiti è il minimo.

 

Le statistiche sul femminicidio

I numeri sul femminicidio in Italia non sono ufficiali. In media viene uccisa una donna ogni 60 ore. Nel nostro Paese i casi di femminicidio sono 3mila dal 2000 ad oggi: secondo l’Eures ci sono stati 142 casi nel 2015, 150 del 2016, 140 nel 2017 e, per il 2018 – ma ancora il dato è purtroppo provvisorio – sono 27 le donne uccise, nonostante l’aumento delle denunce per atti persecutori o maltrattamenti.

E va ricordato che l’81% delle donne uccise volontariamente, secondo i dati del Viminale – sono colpite tra le mura domestiche o comunque i delitti si verificano in contesti di parentela. In dieci anni sono state 1740 le donne ammazzate, il 67,6% delle quali dal marito o compagno, e il 26,5 per mano di un ex. Quindi 1251 femminicidi sono avvenuti all’interno della famiglia, 846 per mano di un fidanzato e 224 donne sono state assassinate da un ex. Nel 40,9% dei casi, a muovere la mano dell’assassino è il movente passionale, mentre nel 21,6% l’omicida ha agito dopo un litigio. Per quanto riguarda le armi usate, nel 32,5% dei casi è stata utilizzata un’arma da taglio, nel 30,1% la vittima è stata bruciata mentre il 12,2% degli assassini ha fatto uso di armi improprie: il 9% ha strangolato la sua vittima e il 5,6% l’ha soffocata.
 

Nelle seguenti schede abbiamo voluto raccogliere una serie di casi di cronaca riguardanti donne uccise negli ultimi anni, perché è un dovere, per chi resta, non dimenticare questa strage silenziosa e quotidiana.

1 di 20

Pagina iniziale

1 di 20

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.