Dimissioni Marino, perché il Papa ha scaricato l’ex sindaco di Roma?

Dimissioni Marino, perché il Papa ha scaricato l'ex sindaco di Roma?

Non solo scontrini, pressioni interne al PD e dalle opposizioni: nelle dimissioni di Ignazio Marino ha avuto un peso notevole anche Papa Francesco e il Vaticano.

2 di 7

2 di 7

Le interferenze del Vaticano nella politica di Roma

marino papa bacio

All’indomani della dichiarazioni di dimissioni, quando ancora non erano state ratificate, il cardinale Agostino Vallini, vicario di Papa Francesco per la diocesi di Roma, scrisse una lettera aperta in cui auspicava la “formazione di una nuova classe dirigente nella politica”. Come se un sindaco chiedesse al Vaticano di darsi da fare per cambiare cardinali e vescovi. Non solo. Il Fatto Quotidiano parla di una pressione dal Vaticano per la candidatura dell’eurodeputato NCD Alfredo Antoniozzi a sindaco di Roma. Si sottolinea che la “vecchia” classe politica non va bene, per suggerire un nome più vicino agli ambienti vaticani. Come la lunga storia italiana ha ampiamente dimostrato, la Chiesa cattolica continua a scendere in campo nell’agone politico, specie a Roma. Con il Giubileo dietro l’angolo, la pressione della Curia sul Campidoglio è ancora più forte e non preoccupa l’assenza del primo cittadino. Perché? Perché Marino era troppo scomodo.

2 di 7

Pagina iniziale

2 di 7

Parole di Lorena Cacace

Da non perdere

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.