dichiarazioni dei politici smentite da loro stessi

Dichiarazioni dei politici smentite: le migliori (o peggiori) giravolte degli ultimi anni

In special modo dopo l'inizio della campagna elettorale, i politici italiani si lasciano andare a dichiarazioni ed esternazioni quanto meno fantasiose che molto spesso non hanno nessun legame con la realtà. E infatti dopo poco tempo, puntuali arrivano le smentite, le rettifiche o le precisazioni di quelle che finiscono poi per essere considerate inesattezze innocenti o involontari lapsus

1 di 7

1 di 7

dichiarazioni dei politici smentite da loro stessi

Non c’è bisogno di cercare a fondo nella storia delle interviste per trovare dichiarazioni di politici tendenzialmente false, che avrebbero meritato, se non altro, almeno una verifica attenta prima di essere consegnate ai lettori. Spesso, infatti, i politici italiani si lasciano andare a esternazioni quando meno fantasiose che molto spesso non hanno nessun legame con la realtà, ma sottostanno a rigide regole proprie della campagna elettorale, ad esempio. Il rischio per noi altri, pare ovvio, è quello di ‘cascarci’ e credere alle incredibili fandonie – fake news diremmo oggi – raccontate dai nostri politici. Per evitare tutto questo, basterebbe semplicemente annotare le principali dichiarazioni dei politici e andarle a controllare per vedere il loro grado di attendibilità. Abbiamo verificato alcune delle mi­glia­ia di di­chia­ra­zio­ni rilasciate in questi anni da una serie di po­li­ti­ci ita­lia­ni di spicco, scegliendo per voi quelle più assurde, false e controverse. Buona lettura!

1 di 7

Pagina iniziale

1 di 7

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.