Default Grecia, Tsipras si prepara a trattare con l’UE

Default Grecia, Tsipras si prepara a trattare con l'UE

In Grecia fervono i lavori per presentare un pacchetto di riforme ai creditori e riaprire le trattative entro venerdì: al vaglio misure da 12 miliardi di euro in due anni.

1 di 3

1 di 3

tsipras

Un lungo applauso, deputati con i cartelli Oxi (no), ma anche qualche fischio hanno accolto Alexis Tsipras, all’assemblea plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo. Ad ascoltare il premier greco anche il presidente del Consiglio UE, Donald Tusk, e il presidente della Commissione UE, Jean-Claude Juncker: il tempo stringe, ha ricordato proprio Tusk prima dell’intervento del premier greco, perché l’accordo va trovato entro domenica o la Grecia rischia di uscire dall’euro. Tsipras però non ci sta e punta il dito contro le politiche di austerità che hanno messo in ginocchio il paese. “La Grecia è stata un laboratorio sperimentale per l’austerity, ma l’esperimento è fallito”, chiarisce.

Il primo ministero greco ringrazia di poter parlare al Parlamento europeo, “nel tempio della democrazia” ed è a questo che si appella da subito, riferendosi al referendum e la vittoria del no. È stato una “scelta coraggiosa del popolo greco, in condizioni senza precedenti, non è una scelta di rottura con l’Europa ma è la scelta di tornare ai valori che stanno alla base dell’Unione” ed è per questo che chiede “rispetto della scelta del popolo”, senza per questo auspicare l’uscita della Grecia dall’euro.

La Grecia è stata cavia di un esperimento di austerità che non è riuscito, questo dobbiamo dircelo”, ribadisce Tsipras che ricorda come la “capacità di resistenza” del paese è finita.

Tsipra poi ha attaccato anche lo stesso piano di aiuti, ricordando che “i fondi dei creditori europei sono andati alle banche e non al popolo greco”. Ora tocca all’Europa fare la sua parte: “L’Ue sia democratica o non sopravviverà”.

1 di 3

Pagina iniziale

1 di 3

Parole di Lorena Cacace

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.