Banca d'Italia

Debito pubblico italiano 2016-2017: la vera storia e tutti gli interessi

Italia prima nella classifica UE per il terzo anno consecutivo

2 di 7

2 di 7

Gli interessi

interessi 150x150

Uno dei problemi fondamentali che riguardano il debito pubblico in Italia è rappresentato dagli interessi da pagare. Per il nostro Paese non si tratta di una questione da poco, anche perché ci trasciniamo dietro una situazione, le cui origini vanno rintracciate nel 1992, quando è stato firmato il trattato di Maastricht. Sulla base dei dati di Mef e dell’Istat, in 20 anni la spesa per interessi sul debito pubblico ha superato i 1.700 miliardi di euro, che corrispondono a un anno di Pil. Tutto il guadagno di un anno di Pil, in pratica, è stato usato per pagare gli interessi.

La spesa maggiore risale agli anni Novanta, alla fine della Prima Repubblica: nel decennio la spesa per interessi sul debito è stata costantemente sopra i 100 miliardi di euro l’anno, con un picco nel 1992-1993 che ha comportato l’uscita della lira dallo Sme e un saldo interessi superiore all’equivalente di 150 miliardi di euro. Solo nel 2009 la spesa è scesa sotto la soglia dei 100 miliardi per arrivare ai 70 miliardi del 2005, salendo poi nuovamente fino ad 86 miliardi nel 2012. Per il 2016 mancano ancora i dati ufficiali ma i tassi di interesse hanno toccato il minimo storico.

2 di 7

Pagina iniziale

2 di 7

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.