Alessandra Appiano, i libri più famosi

Giornalista brillante e raffinata, Alessandra Appiano raccontava, con ironia, il mondo femminile di oggi. Le donne, infatti, sono le protagoniste assolute dei suoi libri, molti dei quali pubblicati anche all'estero. Da Amiche di salvataggio, Premio Bancarella 2003, all'ultimo Ti meriti un amore, i libri più famosi di Alessandra Appiano.

Pubblicato da Caterina Padula Lunedì 4 giugno 2018

Alessandra Appiano libri famosi
Foto Ansa / ansa

Scrittrice, giornalista e spesso ospite di trasmissioni televisive, Alessandra Appiano è stata autrice di molti libri, tra i più famosi Amiche di salvataggio, il suo primo romanzo con cui vinse il Premio Bancarella 2003. Giornalista colta e raffinata, nelle sue storie descrive con ironia il mondo femminile di oggi, raccontandone le gioie, le paure, i successi e i fallimenti. Le donne, infatti, sono il fil rouge di tutta la sua produzione letteraria, con titoli di grande successo (in Italia ma anche all’estero) come Il cerchio degli amori sospesi, Le belle e le bestie e Le vie delle signore sono infinite. A maggio 2017 Alessandra Appiano aveva pubblicato il suo ultimo romanzo, Ti meriti un amore, ancora una storia di donne in cui ricostruisce, in chiave narrativa, una tragica vicenda di cronaca. Ma quali sono i libri più famosi di Alessandra Appiano? Eccoli brevemente, nelle prossime pagine.

La vita è mia e me la rovino io! (1992)

alessandra appiano libri la vita è mia

E’ il primo libro pubblicato da Alessandra Appiano e racconta, in chiave umoristica, diversi tipi di uomo: il borghese, il rivoluzionario, lo yuppy, l’uomo di corte, fino allo ‘scazzato’, protagonista principale del racconto con un unico scopo nella vita: rovinarsela coscientemente, da solo e senza troppi piagnistei.

Domani ti perdono (2003)

alessandra appiano domani ti perdono

Romanzo ironico ed apparentemente leggero, racconta, del mondo femminile, uno degli aspetti più significativi: la solitudine. La storia prende il via da una crisi sentimentale – Laura, donna bella e brillante, molla l’amante perché non vuole lasciare la moglie – per poi procedere con una serie di personaggi le cui vicende s’intrecciano a quelle della protagonista. Ambientato a Milano, un romanzo di ordinaria quotidianità descritta attraverso vari punti di vista.

Amiche di salvataggio (2002)

alessandra appiano amiche di salvataggio

Parlando di Alessandra Appiano e dei suoi libri più famosi, non possiamo non citare Amiche di salvataggio, pubblicato per la prima volta nel 2002 e vincitore del Premio Bancarella 2003. E’ il primo romanzo della scrittrice piemontese – i primi libri, La vita è mia e me la rovino io, Sola? Come vivere felici con gli uomini. Delle altre (1993) e Più malsani più brutti (1995) sono più che altro riflessioni umoristiche sull’universo femminile – e racconta, attraverso le vicende delle protagoniste, i drammi delle trentenni/quarantenni di oggi alla continua ricerca di un equilibrio tra amore e libertà, sentimenti e carriera. Un romanzo allegro e amaro al contempo, che spinge alla riflessione ed incoraggia a non mollare.

Le belle e le bestie (2007)

alessandra appiano libri le belle e le bestie

Pubblicato, come molti dei libri più famosi di Alessandra Appiano, da Sperling & Kupfer, ha per protagonista Lavinia, quarantaduenne single non per scelta, che lavora come autrice TV mentre nel tempo libero scrive racconti. Il dietro le quinte dei programmi in cui lavora le permette di scoprire una varietà di strampalati personaggi – opinionisti improvvisati, vallette rifatte, donne mature che si credono ragazzine – che comincia a descrivere nei suoi racconti, identificandoli con un diverso animale, dalla ‘mucca pazza’ (la valletta senza alcun talento) al ‘topo di fogna’ (il capo antipatico). Per sopravvivere a tutte queste ‘bestie’ Lavinia ricorre alle sue amiche, le ‘belle’ che le arricchiscono la vita: la loro amicizia, infatti, a dispetto dei problemi e delle frustrazioni di ognuna, è una vera e propria ancora di salvataggio.

Le vie delle signore sono infinite (2006)

alessandra appiano le vie delle signore

Parlando di Alessandra Appiano e dei suoi libri più famosi vale la pena citare anche questo divertente volume che narra le vicende di un gruppo di quarantenni che decide di unirsi per un unico scopo: tornare belle. C’è la casalinga disperata alla ricerca di una nuova identità, la signora milanese lanciata sulla via del botulino, la dottoressa che si occupa di cosmesi e la donna in carriera alle prese con un progetto speciale. Un romanzo sull’importanza dell’amicizia e sulla forza delle donne, soprattutto quando si ritrovano alleate.

Il cerchio degli amori sospesi (2010)

alessandra appiano il cerchio degli amori sospesi

Anche Il cerchio degli amori sospesi, pubblicato da Garzanti nel 2010, è uno dei libri più famosi di Alessandra Appiano. Romanzo ironico e profondo sul rapporto tra madre e figlia, ha per protagoniste Chiara e Sofia: la prima è un’attrice bellissima che dalla vita ha avuto tutto tranne l’amore della figlia; la seconda, forte e ambiziosa, l’amore invece non l’ha mai conosciuto. Sofia odia la madre e vuole distruggerla con un libro: s’intitola Diario straordinario e diventa un bestseller assoluto. Fatta a pezzi come donna e come madre, Chiara si ritrova faccia a faccia con la realtà: da una parte i segreti e le bugie di un’intera vita, dall’altra l’amore (perduto?) di Sofia e delle altre due figlie, Benedetta ed Emma.

Ti meriti un amore (2017)

alessandra appiano ti meriti un amore

L’ultimo dei libri più famosi di Alessandra Appiano di cui vogliamo parlare è anche l’ultimo pubblicato dalla scrittrice scomparsa a giugno 2018. Racconta due storie parallele, quelle di due donne cinquantenni le cui vite si confrontano a distanza: Cinzia, regista e commentatrice televisiva apparentemene felice, ed Emma, che non ha mai conosciuto l’amore e vive ancora con i genitori. Amiche dai tempi dell’università, le due donne tornano, dopo tanti anni, ad incrociare i loro destini, fino allo sconvolgente finale. Sospeso tra finzione e realtà, l’ultimo romanzo di Alessandra Appiano è il resoconto in chiave narrativa di una tragica vicenda di cronaca, spiegata attraverso due voci e con un unico filo conduttore: l’amore a cinquant’anni.