Le bufale sul crollo del ponte Morandi di Genova circolate sui social

Una serie di clamorose notizie false che stanno circolando sul web dopo il disastro dovuto al crollo del Ponte Morandi di Genova

Pubblicato da Kati Irrente Venerdì 17 agosto 2018

Se è vero che tramite i social le notizie hanno una diffusione immediata e capillare, è altrettanto vero che molto spesso proprio sui social circolano delle bufale clamorose a cui purtroppo tanta gente è portata a credere. Anche dopo il crollo del ponte Morandi a Genova si sono diffuse notizie di tutti i tipi: ecco le bufale che sono circolate maggiormente in questi giorni e che sono state segnalate da Wired che ha citato David Puente, Paolo Attivissimo, Bufale.net e Butac – bufale un tanto al chilo.

Le bufale del ponte Morandi

Bridge collapses on Genoa highway

Demolizione controllata con tritolo

Il ponte Morandi non ha subito una demolizione controllata con tritolo, nonostante qualcuno abbia ipotizzato che sia stato fatto saltare in aria apposta, come dimostrato da una sorta di bagliore che in tanti hanno definito ‘fulmine’.

Uso di arma al microonde

Bridge collapses on Genoa highway
Un’altra versione fantasiosa per giustificare il crollo del Ponte Morandi parla dell’uso di una non meglio identificata ”arma a microonde” che farebbe parte degli armamenti bellici più recenti e tecnologicamente avanzati.

Il dettaglio del ponte arrugginito è di Pisa

ripafratta
Non è il ponte Morandi quello della foto che mostra lo stato di deterioramento dei materiali e che viene accompagnata dalla scritta ‘scattata qualche settimana fa’, ma il ponte di Ripafratta in provincia di Pisa.

Il cane eroe non è stato impiegato a Genova

cane_soccorritore
Il cane da soccorso ripreso nella foto che lo mostra su una piattaforma che si muove grazie a un sistema di cavi e carrucole non è stato impiegato per i soccorsi nel disastro di Genova, ma risale al 15 settembre 2001 e riguarda le fasi di soccorso successive al crollo delle Torri Gemelle a New York.

Non c’è mai stata emergenza sangue

infermiere ferito da gruppo rom che invade il pronto soccorso a Bergamo
E’ falsa la notizia della presunta carenza di sangue all’ospedale San Martino di Genova.

Nessuna bimba viva è stata estratta dalle macerie

bimba terremoto ischia
Nonostante sia stata condivisa in massa, la foro della bambina portata fuori in braccio da un cumulo di macerie grazie all’intervento dei pompieri non è riferibile ai fatti di Genova. Come riportato da Bufale.net, la foto è stata scattata dopo il terremoto a Ischia, e si nota che il pompiere indossa un caschetto in ricordo del terremoto a L’Aquila.

Il viadotto Morandi in Sicilia è aperto

viadotto morandi sicilia
Il viadotto realizzato dall’ingegnere Riccardo Morandi che collega Agrigento a Porto Empedocle è chiuso al traffico visto lo stato di degrado del ponte noto alle autorità.

Le ambulanze e il pedaggio dell’autostrada

incidente Mantova
Durante le emergenze un’ambulanza non è tenuta a pagare l’autostrada, o meglio, i veicoli d’emergenza devono comunque rispettare il passaggio al casello e il pagamento per transitare, ma poi avviene il rimborso oppure viene annullata la multa per mancato pagamento.

Il pilone instabile non è del ponte Morandi

pilone
Il pilone del ponte che poggia sul terreno sottostante in maniera instabile non è del Ponte Morandi di Genova, come ha precisato Il Secolo XIX, l’immagine riguarda il viadotto di Mele sulla A26, che secondo la Società Autostrade non è indicativo di alcun pericolo.

800640771 non è il numero verde della Protezione Civile

Tra le fake news”collegate alla tragedia del ponte crollato a Genova anche il numero verde 800 640 771 che non è quello “attivato dalla Protezione Civile per l’emergenza” come riportato anche da testate giornalistiche blasonate, ma è di una emittente tv come ha svelato Francesco Russo

In relazione alla tragedia di #Genova vedendo girare questo numero 800 640771 ho voluto verificare constatando che non...

Pubblicato da Franz Russo su Martedì 14 agosto 2018