Cristiani perseguitati oggi nel mondo, le Ong: ‘Ne muoiono 5 ogni minuto’

Cristiani perseguitati oggi nel mondo, le Ong: 'Ne muoiono 5 ogni minuto'

Dalle testimonianze dei tanti cristiani che fuggono dai loro persecutori si comprende la portata di questa tragedia dei nostri tempi.

1 di 7

1 di 7

I cristiani perseguitati nel mondo oggi appartengono a varie confessioni. Di recente la cellula terroristica di Al-shabaab ha rivendicato l’attacco all’università di Garissa in Kenya in cui sono morte centinaia di cristiani, scelti tra la folla e divisi dai musulmani. In Iraq la situazione è drammatica, oltre 200.000 cristiani iracheni sono scappati verso le zone curde dai villaggi della piana di Niniveh, arrivati a Arbil sfuggiti dalle milizie dello Stato Islamico che obbliga tutti a convertirsi all’Islam. Ma essere cristiano in Nord Africa o in Medio Oriente non vuol dire solo professare una religione minoritaria, che comporta comunque una certa emarginazione, ma pure essere percepito come una ‘avanguardia‘ dell’Occidente, una sorta di incarnazione del peccato. Per questa ragione, i cristiani vengono eliminati in maniera sistematica. In pratica l’80% degli atti di persecuzione religiosa nel mondo è attuata contro i cristiani. Il numero complessivo è di oltre 150 milioni. Il Center for the Study of Global Christianity riporta la stima media di centomila cristiani uccisi ogni anno per la loro fede lungo l’ultimo decennio. Una media di cinque cristiani al minuto. Vediamo la mappa delle persecuzioni dei cristiani, con un rapido sguardo delle varie situazioni più critiche a livello mondiale.—>

1 di 7

Pagina iniziale

1 di 7

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.