Crisi economica italiana: tutte le volte che hanno annunciato la fine

Crisi economica italiana: tutte le volte che hanno annunciato la fine

Tutte le volte che ci hanno promesso la ripresa economica...

1 di 26

1 di 26

Padoan 150x150

La ripresa economica è davvero vicina? La crisi economica si è manifestata in Italia con tutta la sua forza da qualche anno, cioè ha cominciato a destabilizzare gli equilibri nazionali già dal 2008. Fin da allora non sono mancati i politici che si sono susseguiti negli anni e nei governi, per rassicurare gli italiani che finalmente potevano tirare un sospiro di sollievo, poiché veramente prossimi alla ripresa. Ma la verità è stata un’altra per lungo temp. Inutile dire che in tutti questi anni, ovvero dal 2008 (anno in cui si è ufficialmente ‘manifestata’ la crisi economica) al 2015, dai politici abbiamo raccolto solo dichiarazioni e proclami. Tutti hanno sempre rinviato all’anno successivo il momento della ripresa. Una tendenza che non è cambiata. Sono passati ben quattro governi (con presidenti del Consiglio Silvio Berlusconi, Mario Monti, Enrico Letta e Matteo Renzi), ed ancora la situazione non si è stabilizzata. Purtroppo per l’Italia, bisogna essere realisti: non si vede all’orizzonte l’uscita dalla recessione in tempi brevissimi, e quindi l’uscita vera dalla crisi appare ancora come una strada in salita. Ma sfogliamo nelle seguenti pagine per vedere tutte le volte che i nostri politici hanno annunciato la fine della crisi, dal 2008 fino al 2015, finendo con le ultime e più recenti parole del ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan (Governo Renzi).

1 di 26

Pagina iniziale

1 di 26

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.