Cosa accadde in Italia nel 1998

Cosa accadde nel mondo nel 1998: sì, sono già passati 20 anni!

Il 1998 è stato un anno importante, un anno a tratti stanco per il secolo che si portava sulle spalle e impaurito per il nuovo millennio alle porte. E' stato l'anno del Papa in visita a Fidel Castro, del Sex Gate negli Stati Uniti; Pantani ha trionfato nel ciclismo e Vasco ha segnato la storia col suo concerto record a Imola, mentre Ligabue ci ha provato col cinema. Era il tempo in cui i giovani sfoggiavano un look trasandato, mentre in passerella sfilavano le modelle più belle di sempre.

1 di 6

1 di 6

Cosa accadde in Italia nel 1998

Cosa accadde nel mondo nel 1998? Innanzitutto vi siete accorti che sono passati già vent’anni? No, non è uno scherzo di cattivo gusto per farvi sentire ancor più insopportabile il peso del tempo che passa sulle vostre spalle. Il 1998, un anno stanco che cerca di chiudere un secolo di evoluzioni tecnologiche impensabili, due guerre mondiali, uno sbarco sulla luna, la nascita di internet, la clonazione della pecora Dolly, il cellulare, il wonderbra, i piumini e i moon boot per rimanere caldi come mai prima in cima alle vette italiche. Dicevamo un 1998 che cerca di chiudere un secolo importante e che inizia a mostrare tutte le paure verso un futuro ignoto e che a detta degli informatici sarebbe iniziato con un bug, il Millenium Bug, che avrebbe mandato letteralmente in tilt tutti i pc e i server del pianeta. A rincarare la dose c’era pure la profezia di Nostradamus che vedeva nel 1999 l’arrivo di un ‘Re del terrore’, che avrebbe condotto l’umanità alla fine del mondo. Per sempre. O forse no. E’ in questo clima di sottile paura per il domani mescolata alla inconscia speranza di un nuovo secolo glorioso che si apre il 1998. Siete pronti a salire sulla macchina del tempo?

1 di 6

Pagina iniziale

1 di 6

Parole di Beatrice Elerdini

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.