Cocaina

Cocaina: gli effetti collaterali e i danni fisici

E' una sostanza altamente dannosa a livello fisico, cerebrale e psichico. Andiamo a scoprire nel dettaglio le conseguenze dell'abuso di cocaina, gli effetti a breve e lungo termine e i danni che può provocare all'intero organismo.

2 di 5

2 di 5

Cocaina: gli effetti a breve termine

Quali sono gli effetti a breve termine della cocaina? Alle prime assunzioni segue una sensazione caratteristica, quella di sentirsi svegli, euforici, energici ed eccentrici. La fase successiva inizia a mostrare le prime note oscure dell’assunzione di cocaina: ci si sente depressi, nervosi e con un desiderio sempre crescente di assumere lo stupefacente. Inoltre, tra gli effetti a breve termine della cocaina c’è anche la mancanza di appetito e di sonno, che se in un primo momento possono sembrare positivi, con l’andare del tempo, si tramutano in condizioni molto debilitanti. Altri effetti negativi che si manifestano a breve termine sono: aumentate pulsazioni cardiache, spasmi muscolari e convulsioni.

Vediamo quindi gli effetti collaterali della cocaina a breve termine, in sintesi:

– Perdita di appetito;
– Aumento del ritmo cardiaco, della pressione sanguigna, della temperatura corporea;
– Compressione dei vasi sanguigni;
– Respiro affannoso;
– Pupille dilatate;
– Disturbi del sonno;
– Nausea;
– Iperstimolazione;
– Comportamento stravagante, eccentrico e a volte violento;
– Allucinazioni, ipereccitabilità, irritabilità;
– Allucinazione tattile che crea l’illusione di cimici che si muovono sotto la pelle;
– Intensa euforia;
– Ansia e paranoia;
– Depressione;
– Forte desiderio di droga;
– Panico e psicosi;
– Convulsioni, colpi apoplettici e morte ad alti dosaggi (anche per un solo utilizzo).

2 di 5

Pagina iniziale

2 di 5

Parole di Beatrice Elerdini

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.