Certificazione unica 2015: le 5 trappole a cui fare attenzione

Certificazione unica 2015: le 5 trappole a cui fare attenzione

Arriva la Certificazione unica per dipendenti, autonomi e pensionati. Dai crediti per le imposte versate agli assegni di mantenimento, tutte le novità per i contribuenti.

1 di 6

1 di 6

certificazione unica 2015

Con un occhio al nuovo 730, importanti novità sono state inserite per la Certificazione Unica 2015, trappole a cui i dipendenti e gli autonomi, ma anche i pensionati dovranno fare molta attenzione. Nel dettaglio il CU sostituisce il CUD, attraverso il quale lo stesso datore di lavoro dava certificazione dei redditi da lavoro dipendente. A partire da quest’anno le certificazioni relative alle ritenute fiscali per lavoro autonomo e dipendente avranno l’obbligo di essere conformi ai moduli pubblicati dall’Agenzia delle Entrate. L’inoltro della documentazione dovrà avvenire telematicamente entro il 9 marzo attraverso un tracciato stabilito dal Ministero delle Finanze. Il destinatario sarà l’Agenzia delle Entrate.

1 di 6

Pagina iniziale

1 di 6

Parole di Danilo Capone

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.