esplosione ankara 150x150

Attentato ad Ankara, strage al corteo pacifista: che cosa sta succedendo in Turchia?

Strage alla manifestazione pacifista ad Ankara, oltre 120 i morti: sale la tensione alla vigilia del voto politico del 1° novembre. Cosa sta succedendo in Turchia?

1 di 6

1 di 6

esplosione ankara 150x150

Si apre un nuovo fronte di violenza dopo l’attentato alla manifestazione pacifista ad Ankara, Turchia, nella quale sono morte 128 persone secondo fonti curde (97 per il governo) e 508 rimaste ferite. L’attentato è avvenuto durante il corteo, organizzato dai partiti di sinistra dell’opposizione, sindacati e attivisti filo-curdi: due bombe sono esplose lasciando una scia di morte e distruzione. Secondo il governo di Recep Tayyip Erdogan, la strage sarebbe opera dell’Isis, ma il partito dei curdi moderati Hdp di Selahattin Demirtas sospetta che si possa trattare di un altro colpo inferto da persone vicino al governo contro i curdi, come già avvenuto a Diyarbakir e Suruc. Al momento, l’unica certezza è che il Paese, atteso al voto il 1° novembre, è arrivato a un punto di non ritorno.

1 di 6

Pagina iniziale

1 di 6

Parole di Giorgio Rini

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.