allevamenti

Animali modificati per allevamenti intensivi: tutti i casi più eclatanti

Aumentano i casi di animali modificati geneticamente o attraverso incroci per migliorare le loro prestazioni negli allevamenti intensivi: dai polli alle mucche ai maiali, l'elenco è lungo e sembra destinato a non fermarsi

1 di 5

1 di 5

allevamenti

La questione degli allevamenti intensivi sempre più diffusi in tutto il pianeta ha acceso i riflettori negli ultimi anni sulla presenza ormai conclamata di animali modificati, sia attraverso la genetica che mediante incroci tra specie, al fine di ottenere nuovi esemplari capaci di prestazioni superiori rispetto a quanto la Natura ha reso loro possibile. A causa della sovrappopolazione, la domanda di cibo è aumentata esponenzialmente, e ciò sta provocando degli interventi dell’uomo sulle risorse naturali assolutamente pericolosi: lo abbiamo già visto nel campo dell’agricoltura intensiva, che comporta deforestazione e spreco di risorse vitali come l’acqua, e per quanto riguarda gli animali, quello che l’uomo sta compiendo è per certi versi ancora più inquietante e controverso. Giocando a fare Dio, l’uomo ha modificato le specie da allevamento attraverso i progressi raggiunti in qusto campo dalla scienza, ma il rovescio della medaglia è la creazione di super-specie che in libertà non potrebbero nemmeno sopravvivere, o che altererebbero l’ecosistema in maniera probabilmente irreversibile.

1 di 5

Pagina iniziale

1 di 5

Parole di Giulio Ragni

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.