Riciclo bustine di gel di silice: 4 modi per riutilizzarle

Come riciclare le bustine di gel di silice che si trovano all’interno delle scatole di scarpe o le confezioni di vestiti: questi sacchetti infatti possono essere riutilizzati in vari modi, come deumidificatore per archiviare documenti o salvare componenti elettronici, o per eliminare cattivi odori.

Pubblicato da Giulio Ragni Martedì 16 giugno 2015

gel di silice

Spesso non facciamo molto caso alle bustine di gel di silice che si trovano all’interno delle scatole di scarpe, o nelle confezioni in cui sono conservati maglioni, t-shirt e felpe, tanto da essere gettati nella spazzatura senza troppi rimpianti. Eppure queste bustine posseggono qualità davvero sorprendenti, tanto da poter essere riutilizzate in svariati modi, risolvendo alcuni problemi tipici della nostra quotidianità: se volete scoprire come riutilizzare le bustine di gel di silice, non vi resta che proseguire nella lettura.

Scarpe

scarpe cattivo odore

Dato che comunemente queste bustine si trovano nelle scatole di scarpe, il suggerimento più immediato per il riciclo è quella di utilizzare il gel di silice per eliminare il cattivo odore dalle calzature inserendo le bustine al loro interno.

Smartphone

smartphone acqua

Se vi è caduto lo smartphone in acqua esiste un modo per salvarlo, grazie alle bustine: togliete la scheda sim e la batteria, e conservate questi componenti per 48 ore in un sacchetto riempito di bustine di gel. Fungendo da deumidificatore il sacchetto asciugherà le parti delicate del cellulare dalle infiltrazioni d’acqua.

Documenti e riviste

giornali

Proprio per queste sue virtù, le bustine di gel di silice sono un’ottima soluzione per conservare i vostri documenti, giornali o riviste, mettendole al riparo dall’avanzare aggressivo dell’umidità.

Argenteria

argenteria

Lasciando i sacchettini di silice nei luoghi dove è riposta l’argenteria potrete evitare che gli oggetti diventino scuri e sporchi: il gel di silice è uno strumento insostituibile per la loro conservazione.