I sette più incredibili specchi d’acqua al mondo

Una raccolta di storie al limite dell'incredibile con i più pazzeschi specchi d'acqua che sono stati scoperti negli anni per caso o a seguito di studi approfonditi

Pubblicato da Diego Barbera Giovedì 6 settembre 2018

Salar de UyuniDa Pixabay

Quali sono i più pazzeschi specchi d’acqua che si possono trovare viaggiando per il mondo e esplorando le sue meraviglie? Il 71 per cento del pianeta è coperto dal liquido per noi vitale, che prende forme, colori e sembianze insolite e davvero incredibili, tanto che sembra che si sia andati giù pesanti col Photoshop. Invece, è tutto vero e vi mostriamo foto e vi raccontiamo le storie di questi siti da segnare subito sul proprio taccuino personale dei desideri di viaggio.

Cano Cristales, Colombia

Questo fiume si colora come un arcobaleno tra Settembre e Novembre. Si trova in una zona remota del parco nazionale di Serrania de la Macarena in Colombia e durante il cambio dalla stagione secca a quella piovosa, una rara pianta che si trova solo lì colora di rosso il panorama miscelandosi al giallo e al verde della sabbia con il tocco del blu dell’acqua, per un risultato da rimanere a bocca aperta.

I laghi del cratere del vulcano Kelimutu in Indonesia

Ci sono tre vulcani sulla vetta del vulcano Kelimutu in Indonesia e ognuno a temperatura e composizione chimica differente. C’è quello solitamente blu chiamato Lake of Old People, quello solitamente verde che si chiama Lake of Young Men and Maidens e infine quello solitamente rosso chiamato Enchanted Lake. Molte volte le sfumature tendono ad altri colori come marrone, nero e persino bianco a seconda del meteo e delle stagioni.

Il lago che bolle in Dominica

BoilingLakeBoiling Lake / Jean & Nathallie, Flickr / CC BY 2.0

Scoperto nel 1870 da due esploratori britannici (che poi già lo conoscevano i locali, guarda un po’), il lago che bolle è appunto a caldissima temperatura per via di una camera sotterranea piena di lava sciolta che rilascia calore, ma anche gas e fuoriuscite di materiale. Naturalmente, è pericoloso visitarlo e sconsigliatissimo farci il bagno a meno di non avere intenti suicidi. Si trova attualmente all’interno del Morne Trois Pitons National Park, che si raggiunge dopo una scarpinata di 3-4 ore.

Cascata insanguinata, Antartide

Si chiama così questa cascata perché il colore dell’acqua sembra uscito dalla scena agghiacciante di Shining. Come mai è così? Perché affiora da un lago iper salato intrappolato sotto un giacciaio per due milioni di anni con il ferro delle rocce sottostanti che viene catturato e che si ossida a contatto con l’ossigeno una volta fuori all’aria aperta.

Mar Morto, Israele/Giordania

Mar MortoDa Pixabay

Chi non conosce il Mar Morto, che giace in territorio tra Israele e Giordania, ad appena un’ora da Gerusalemme? La sua concentrazione di sale è così alta (quasi dieci volte quella degli oceani) che la vita è impossibile al suo interno e si trova oltre 300 metri sotto al livello del mare, come depressione più importante del globo. Facendo il bagno, il sale aumenta in modo deciso il galleggiamento, con braccia, ginocchia e testa che usciranno dalla superficie come se si fosse seduti su una sdraio.

Salar de Uyuni, Bolivia

Salar de UyuniDa Pixabay

Situato nella parte sudoccidentale del paese sudamericano, è ben noto per essere il più grande deposito salino al mondo, con oltre 10.000 km quadrati con una crosta molto spessa con disegni esagonali. Si raccoglie il litio, che al giorno d’oggi è preziosissimo per le batterie e regolarmente si riempie di un sottile strato d’acqua creando uno specchio perfetto.

Pitch Lake, Trinidad

Pitch LakeGrueslayer @Wikipedia, CC BY-SA 4.0

Un altro posto dove non è così piacevole fare il bagno è nel Pitch Lake ossia il Lago dell’Asfalto naturale che ne contiene circa 10 milioni di tonnellate su un’area di 109 acri. Viene raccolto e utilizzato anche per costruzioni importanti come l’aeroporto La Guardia di New York, Buckingham Palace in Inghilterra o il Lincoln Tunnel che connette il New Jersey a New York.