Dai bicchieri di plastica agli assorbenti: tutti i prodotti che l’Europa vuole vietare

La Commissione europea ha proposto nuove norme per i 10 prodotti di plastica monouso che più inquinano le spiagge e i mari d'Europa e per gli attrezzi da pesca perduti e abbandonati, prodotti che insieme rappresentano il 70% dei rifiuti marini.

Pubblicato da Kati Irrente Giovedì 25 ottobre 2018

cannucce di plasticapixabay / foto

In base a una nuova normativa proposta dalla Commissione Europea per contrastare l’inquinamento dovuto alla plastica, sono diversi i prodotti che sono destinati non essere più commercializzati sul territorio dell’UE. Agli oggetti già inseriti nella lista dei divieti dalla Commissione, il Parlamento europeo – che li ha approvati – ha aggiunto ulteriori articoli di plastica che saranno banditi al massimo entro il 2021. Stiamo parlando dei famigerati cotton fioc che inquinano le nostre spiagge e i mari, ma non solo. Lo stop interessa molti altri beni di uso comune e quotidiano – che vi elenchiamo di seguito – alcuni dei quali saranno vietati totalmente e altri dovranno essere commercializzati solo a determinate condizioni. Vediamo la lista aggiornata.

Cotton fioc

cotton fiocpixabay / foto
I bastoncini di cotone in plastica per la pulizia delle orecchie saranno messi al bando, con un divieto che ne vieta la commercializzazione. Potranno essere prodotti bastoncini cotonati senza plastica, ma di cartoncino o altri materiali biodegradabili e riciclabili.

Posate di plastica

posate plasticapixabay / foto
Le posate di plastica monouso saranno vietate, si potranno produrre solo con materiali biodegradabili e riciclabili.

Piatti di plastica

piatti di plasticapixabay / foto
I piatti di plastica monouso non potranno più essere commercializzati, dovranno essere composti da materiali green.

Bicchieri di plastica

bicchiere plasticapixabay / foto
I bicchieri di plastica monouso saranno messi al bando. Sì a bicchieri in materiale biodegradabile e riciclabile.

Cannucce per bevande

cannucce di plasticapixabay / foto
Le cannucce di plastica saranno vietate e non potranno più essere prodotte.

Mescolatori per bevande

mescolatori per bevandepixabay / foto
I mescolatori di plastica per i drink saranno proibiti.

Aste per palloncini

aste per palloncinipixabay / foto
Le aste per palloncini in plastica saranno vietati, potranno essere fabbricate esclusivamente con materiali sostenibili.

Assorbenti

assorbentipixabay / foto
Gli assorbenti per l’igiene intima così come sono venduti oggi sono destinati a non avere futuro. I prodotti commercializzati dovranno necessariamente avere delle etichette su cui è riportato il corretto uso e soprattutto informazioni sullo smaltimento del prodotto.

Salviette umidificate

salvietta umidificatapixabay / foto
Le confezioni di salviette umidificate dovranno riportare in etichetta le informazioni sul corretto smaltimento del prodotto.

Contenitori per bevande

contenitori per bevandepixabay / foto
I contenitori per bevande in plastica monouso saranno ammessi solo se i tappi e i coperchi restano attaccati al contenitore.

Palloncini

palloncinipixabay / foto
I palloncini dovranno avere un’etichetta chiara e standardizzata che indica come devono essere smaltiti, il loro impatto negativo sull’ambiente e la presenza di plastica.

Sacchetti di plastica e altri imballaggi oxodegradabili

Foto Pixabay

Sacchetti o imballaggi non biodegradabili ma oxodegradabili saranno messi al bando definitivamente in Europa entro il 2021. Sono considerare oxodegradabili le plastiche convenzionali (PE, PP, PS, PET)

Scatole per cibo fast food

Foto Pixabay

I contenitori in polistirolo espanso per trasportare il cibo fast-food saranno vietate in tutto territorio europeo.