Amazon dice addio al Fire Phone, il suo più grande fallimento

Amazon dice addio al Fire Phone, il suo più grande fallimento

Che flop per Fire Phone, lo smartphone di Amazon che è stato messo definitivamente fuori produzione dopo essere stato svenduto. Che fine per quello che doveva essere l'iPhone killer

2 di 4

2 di 4

1) Una scheda buona ma non ottima

La scheda tecnica di Fire Phone punta dunque sul sistema operativo Android pesantemente personalizzato per lo schermo touchscreen con diagonale da 4.7 pollici a risoluzione 1280×720 pixel HD (non Full HD) con protezione vetro Gorilla Glass 3 e luminosità di ben 590 nits. Le specifiche includono un processore quad core da 2.2GHZ con una Ram da 2GB, scheda grafica Adreno 330, GPS, Wi-Fi, Bluetooth, fotocamera da 13 megapixel con lenti da f/2.0 molto luminose che promette di essere molto più performante di quella di iPhone 5S e Samsung Galaxy S5 che vengono definite rispettivamente troppo rumorose e blurry. Le funzioni speciali: scatto ultrarapido, video a risoluzione Full HD 1080p e stabilizzazione ottico. Il design è in alluminio con frame di gomma per un migliore grip, pulsante otturatore e per FireFly. Ecco la scheda tecnica di Amazon Fire Phone:

  • Schermo touchscreen da 4.7 pollici a risoluzione HD con Cornilla Glass 3 e luminosità 590 nits
  • Fotocamera da 13 megapixel con lenti da f/2.0
  • Fotocamera frontale con angolo visivo di 120 gradi
  • Scheda grafica Adreno 330
  • Processore quad core da 2.2GHZ con una Ram da 2GB
  • Wi-Fi, GPS, Bluetooth

In generale è una buona scheda che si avvale di un processore evoluto, un’ottima fotocamera frontale e posteriore e l’innovazione di funzioni originali come il 3D, tuttavia il suo grande contro è lo schermo solamente HD e non Full HD.

2 di 4

Pagina iniziale

2 di 4

Parole di Diego Barbera

Diego Barbera è stato un redattore interno di Nanopress fino al 2018. Si è occupato di tecnologia, sport, cronaca.

Da non perdere

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.