Al-Shabaab: chi sono, cosa vogliono e cosa hanno fatto finora

Al-Shabaab: chi sono, cosa vogliono e cosa hanno fatto finora

Strage jihadista al Campus di Garissa in Kenya, vicino al confine con la Somalia. Decine di morti e feriti. Oltre 450 studenti sono scomparsi. Il gruppo estremista dal 2012 si è legato ad al Qaeda ed è stato inserito da molti governi nella lista delle organizzazioni terroristiche.

2 di 5

2 di 5

Chi sono i componenti di al-Shebaab

Al Shabaab

Ai tempi del secondo governo transitorio del 2004, appoggiato dagli USA e riconosciuto dalla comunità internazionale, entrano in scena gli islamisti di al Shabaab, che in somalo significa La Gioventù. Il gruppo è nato durante la guerra civile in Somalia, dopo la sconfitta dell’Unione delle Corti Islamiche (UCI), di cui era il braccio armato, ad opera del Governo Federale di Transizione (GFT) e dei suoi sostenitori, in primo luogo i militari dell’Etiopia. Finanziato da Arabia Saudita e altri Paesi del Golfo, e sostenuto militarmente dall’Eritrea, il gruppo di al-Shebaab dal 2012 è considerato formalmente come cellula di al-Qaeda, dunque il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha posto diverse taglie sui suoi leader. Numerosi rapporti indicano che al-Shabaab è in collegamento anche con altri gruppi islamici in Africa, come Boko Haram in Nigeria. Mohammed Mohamud, conosciuto anche come Dulyadin e Gamadhere, è considerato il capo delle operazioni degli al Shabaab in Kenya.

2 di 5

Pagina iniziale

2 di 5

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.