Sampdoria

La Sampdoria è una delle due squadre di Genova. La seconda squadra è il Genoa. La maglia della Sampdoria è blucerchiata e comunemente viene definita anche la Doria. Il presidente è Massimo Ferrero, l'allenatore è Marco Giampaolo. La Sampdoria gioca allo stadio Marassi Luigi Ferraris di Genova. E' nata nel 1946 dalla fusione di Andrea Doria e Sampierdarenese. Conta uno scudetto, 4 Coppe Italia, 1 Coppa delle Coppe e una Supercoppa italiana. Gianluca Vialli e Roberto Mancini sono i due giocatori simbolo, i gemelli che portarono uno storico scudetto nella Genova sampdoriana nel 1990/91, con Vujadin Boskov in panchina. Storico presidente era Paolo Mantovani. Altri campioni che hanno vestito la maglia blucerchiata sono Toninho Cerezo, Antonio Cassano, Pietro Vierchowood, Gianluca Pagliuca e Angelo Palombo. Il simbolo è una silhouette nera raffigurante il volto di un tipico pescatore genovese, con barba, berretto, pipa e capelli al vento. Si trova all'interno di un fascio di strisce blucerchiate poste in diagonale, il tutto racchiuso in uno scudo bianco a tre lati, bordato di nero. La maggiore rivalità della Sampdoria è con l'altra squadra cittadina, il Genoa, ma anche con Torino, Napoli e Bologna. Gemellaggio, invece, con l'Hellas Verona.
Quel titolo storico: la Sampdoria è stata l'ultima 'provinciale' a vincere uno scudetto in Italia. Nella stagione 1990/91, furono Vialli e Mancini a trascinare - nelle vesti di bomber e fantasista - i blucerchiati all'unico titolo della loro storia. A fine torneo, fiurono 5 i punti di vantaggio su Inter e Milan. La Samp sfiorò il 'double': in finale di Coppa Italia fu sconfitta dalla Roma. L'anno dopo, la Sampdoria arrivò fino alla finale di Coppa dei Campioni, battuta però dal Barcellona. La squadra che fece sognare un'intera tifoseria era composta da altri pezzi da novanta: Pagliuca, Vierchowood, Cerezo, Lonbardo, Mannini, Pellegrini, Pari, Dossena, Salsano.

Pagina 1 di 2