Mondiali Russia 2018: la nazionale del Giappone, esempio di civiltà

La nazionale nipponica di calcio mostra nella pratica la gentilezza propria dei giapponesi: alla fine della partita hanno lasciato lo spogliatoio pulito e scritto 'grazie' in russo

Pubblicato da Kati Irrente Martedì 3 luglio 2018

Mondiali Russia 2018: la nazionale del Giappone, esempio di civiltà
/ ansa

Il Giappone è uscito di scena dai mondiali in Russia 2018 prima di arrivare ai quarti di finale, sconfitto dal Belgio al termine di una partita molto sofferta che è finita 3-2 per la squadra europea. Nonostante la cocente delusione per non aver potuto giocare un altro match, la squadra nipponica ha dimostrato di essere esempio di civiltà per tutti. Lo dimostra una foto pubblicata su Twitter da Priscilla Janssens, coordinatrice generale della FIFA.

Nella foto postata online, che trovate in basso, si vede lo spogliatoio della squadra giapponese appena lasciato dai giocatori che sono ripartiti per il Giappone.

Lo spogliatoio appare lindo, perfettamente pulito e ordinato, nulla è fuori posto, come se non fosse mai stato usato.

Tifosi giapponesi al mondiale in Russia 2018Tifosi giapponesi / ansa

Questo vuol dire che nonostante la delusione per aver finito lì la scalata al mondiale, e la stanchezza per la fine di una partita davvero molto sofferta, i calciatori hanno mostrato il tipico comportamento dei nipponici: educati, gentili, rispettosi degli avversari e del prossimo.

spogliatoio calciatori giappone russia 2018Gli spogliatori dei giocatori della nazionale nipponica dopo la sconfitta con il Belgio / foto

Hanno trovato il tempo e la voglia di mettere tutto in ordine prima della partenza, così come i tifosi hanno aiutato a pulire gli stadi dove si tenevano le partite, come mostrato dal frame in basso. E i giocatori nello spogliatoio hanno anche lasciato un bigliettino con la parola ‘grazie’ scritta in russo.

Tifosi giapponesi puliscono spalti al Mondiale Russia 2018Tifosi giapponesi puliscono gli spalti dello stadio al termine della partita del Mondiale in Russia / foto

Un gran esempio di civiltà per tutti.