Mondiali 2014: I momenti di sconforto e delusione

Tutte le manifestazioni di delusione e di sconforto ai Mondiali 2014 di Brasile da parte dei tifosi sugli spalti oppure dei calciatori sul rettangolo di gioco. Da Casillas a Cristiano Ronaldo, nessuno è esente

Pubblicato da Diego Barbera Lunedì 14 luglio 2014

I Mondiali 2014 di calcio sono gioia e felicità quando si vince, ma sono anche delusione e grande sconforto quando si perde. Andate a chiederlo al povero diavolo di Iker Casillas che è passato dall’essere l’eroe paratutto in grado di vincere in sequenza Europeo-Mondiale-Europeo quasi a reti vergini a prendersi cinque pere in una sera soltanto. Sia sugli spalti sia sul campo di gioco, si possono assistere a vere e proprie manifestazioni esplicite di tutta la delusione e lo scoramento che si prova. Mani nei capelli oppure abbandonate lungo i fianchi, testa bassa, occhio lucido e respiro affannoso. Ecco la nostra flop gallery. Troppo triste? Vedi anche la gallery sulle esultanze.